Grani antichi della Versilia ospiti speciali a “Prim’olio primovino”

LIDO DI CAMAIORE – Lunedì la terra di Lido di Camaiore accoglierà la semina in parcella sperimentale del grano Mentana, una delle tre varietà storiche protagoniste del progetto di coltivazione avviato un anno fa in Versilia dalla condotta locale di Slow Food. L’operazione, iniziata con il grano San Pastore a Massaciuccoli dopo una primissima sperimentazione a Pietrasanta, approda ora sulla costa: alla “tappa” di Lido, in via del Gallino, seguirà infatti la semina a Viareggio, nei terreni della Tenuta Borbone, per “creare una filiera di riqualificazione di zone abbandonate o comunque incolte – sottolinea Catia Bovi Campeggi, segretaria di Slow Food Versilia – ma anche nuove opportunità economiche legate all’attività agricola”.
Il progetto “Grano storico della Versilia”, che punta a riscoprire le varietà che venivano seminate nel comprensorio fino agli anni Cinquanta, sarà fra i protagonisti di Prim’Olio Primovino, in programma sabato 1 e domenica 2 dicembre a Camaiore: nato da un’idea di Cantine Angeli e realizzato dal Consorzio di Promozione Turistica della Versilia, in collaborazione con il Centro Commerciale Naturale di Camaiore e il patrocinio del Comune, l’evento racconta da dieci anni tutto il bello e il buono dei prodotti locali, dall’olio nuovo al vino, dal miele al biologico e km 0, alla scoperta di piccole, grandi eccellenze del territorio.
“Da una ricerca condotta in Versilia – spiega la referente locale di Slow Food – è emerso che le varietà di grano coltivate erano tre: San Pastore, Mentana e Roma. Per quest’ultima stiamo prendendo contatti con la Fondazione Morando Bolognini di Sant’Arcangelo Lodigiano, custode del seme; sulle altre, invece, il lavoro sta già dando ottimi risultati e grandi soddisfazioni”.
Oltre a Catia Bovi Campeggi, sul palco di Prim’olio primovino Luca Della Latta accoglierà i “Bio-Eroi”, un gruppo di piccole imprese dell’Alta Versilia impegnate nella tutela e la valorizzazione sostenibile dei territori di montagna e l’azienda Caravello, fra le protagoniste del progetto “Sapori di Camaiore” messo in campo dal Comune per far conoscere le produzioni agricole locali e  promuovere il concetto di qualità del prodotto tra i consumatori. Photo credit: Fotomania

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: