Il ‘Bolero’ di Emox Balletto rappresenterà la Danza italiana a New York

VIAREGGIO – (di Stefania Bernacchia) Una compagnia che si sta affermando sempre più nel panorama nazionale ed internazionale della danza quella diretta dalla coreografa Beatrice Paoleschi, che dopo aver toccato i più importanti palcoscenici dello stivale, è volata a New York per rappresentare l’Italia al Gala dell’ Italian International Dance Award, che si svolgerà il prossimo giovedì 30 agosto all’ Alvin Alley City Group Theater di New York.

Stiamo parlando della Emox Balletto, giovane ensemble di danza della Toscana che conferma ancora una volta il proprio talento e la spiccata originalità, in grado di dar vita ad una danza sensuale, innovativa e di indiscussa qualità. Giovedì la compagnia porterà in scena nella Grande Mela il suo struggente ‘Bolero’ tratto dall’opera di Ravel, che sta riscuotendo ovunque unanimi consensi, a partire dall’ultima edizione di Danzainfiera a Firenze.

Coreografa di riferimento per il Festival Pucciniano, dove ha mandato in scena tutte le sue produzioni più importanti, e lanciata verso successi sempre più convincenti (come la recentissima partecipazione al DAP Festival di Pietrasanta e al Festival della Versiliana con ‘Puccini, la Passione tra poesia e danza’ insieme allo straordinario Giancarlo Giannini), Beatrice Paoleschi ha ottenuto prestigiosi riconoscimenti come il Premio MAB, Premio Coreografa dell’anno 2016, Premio della Critica al Festival di Belgrado, invito alla Biennale Danza a Venezia, alla Fonderia dell’Ater Balletto a Reggio Emilia.

Ho realizzato questo balletto avendo in mente il lungo percorso compiuto dalla donna per realizzare la sua emancipazione, afferma la coreografa Paoleschi, anche dal punto di vista culturale. E’ una ribellione alle imposizioni della società ed alle costrizioni dettate dalle consuetudini; con la danza finalmente ci si libera dalle abitudini, dalle mode, dai modelli pubblicitari, per mostrare finalmente quello che veramente siamo e raggiungere la propria identità.