“Il Papa fa il Papa, io faccio Salvini. Quanto a Viareggio si deve tornare a votare”

0

MARINA DI PIETRASANTA – “Il Papa fa il Papa, io faccio Salvini”. Queste le parole di Matteo Salvini, segretario della Lega Nord dell’incontro al Caffè della Versiliana, rispondendo a una domanda sul suo rapporto con il Pontefice e la religione. “Il Papa fa il Papa, io sono l’ultimo dei buoni cattolici, posso solo imparare. Ma se il Papa dice ‘avanti per tutti gli immigrati c’è posto’, io mi sento di dire che non così”. Poi il segretario della Lega Nord è tornato nuovamente sulla polemica per il crocifisso sulla falce e martello: “Allo stesso modo – ha concluso – trovo un insulto aver accostato un crocifisso alla falce e martello, che per me rappresenta una roba da buttar via”.

“Se l’Europa è questa, quella della direttiva Bolkestein che mette a repentaglio tutti gli stabilimenti balneari della Versilia, che impedisce di fare agricoltura, di pescare e di fare turismo, se l’Europa è quella della fame e della disoccupazione delle legge Fornero, penso che si stia meglio soli che male accompagnati”, ha detto poi il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, replicando ancora alle affermazioni di Umberto Bossi. “Bossi – ha precisato Salvini – esprime un parere, ma il segretario della Lega è Matteo Salvini. Ma, ripeto. non sarà Salvini ad abbattere l’euro. E’ l’euro che è una moneta senza senso e che si abbatterà da sola, così come Renzi che si abbatterà da solo con la sua arroganza”.

Quanto alla Grecia:”Aiuti? Per me non prenderebbero neanche un centesimo di euro”, ribadendo che la decisione dovrebbe essere presa dal Parlamento e non dal Governo. “Grazie a Monti – ha detto Salvini – abbiamo già tirato fuori 40 milioni che non rivedremo più, adesso ci mancherebbe altri dargliene altri”

Poi parola a Viareggio, e alle sue elezioni: “Si deve tornare a votare”, ha tuonato Salvini riferendosi alle polemiche seguite alle ultime comunali, dove il candidato della Lega Nord, Massimiliano Baldini, è arrivato terzo e non è andato al ballottaggio per un pugno di voti.
“Bisogna andare a votare – ha ribadito – perchè qualcuno ha distrutto una delle città più belle d’Italia, oltretutto con dei brogli elettorali, per cui i viareggini devono poter tornare a votare e spero che l’esempio della Lega in Toscana sia un esempio seguito anche a Viareggio. Abbiamo voglia di cambiare in meglio Viareggio e la Toscana. La regione toscana ha dato una bellissima risposta alle ultime elezioni, la Lega ha preso percentuali che non aveva mai preso nella storia, il 20 per cento, ma non ci accontentiamo: vogliamo liberala tutta.Il caso di Pietrasanta – ha aggiunto il leader della Lega Nord a proposito del sindaco della cittadina della Versilia, Massimo Mallegni sospeso per la Legge Severino – è un caso emblematico di come gli errori della sinistra vengano perdonati e i presunti errori del centrodestra invece vengono massacrati. Però la Toscana finalmente si sta risvegliando”.

“Ringrazio ancora una volta Matteo Salvini per essere tornato per la terza volta in meno di due mesi a sostenermi, insistendo accanto a noi tutti nella battaglia di legalita’ che stiamo portando avanti per il riconteggio delle schede e l’ammissione al rinnovo del turno di ballottaggio alle elezioni amministrative comunali – ha commentato Massimiliano Baldini – Un ringraziamento che estendo a tutta la Lega Nord Toscana ed all’intera coalizione che, con intensità immutata, mi e’ vicina giorno per giorno anche successivamente alla tornata elettorale, cosi’ come ai tantissimi cittadini che – anche laddove di fede politica diversa – hanno capito e condiviso il nostro impegno per far rispettare il voto di tutti indifferentemente. Questa mattina abbiamo provveduto a far notificare il ricorso alle controparti con la fissazione dell’udienza che ci vedra’ avanti il TAR Toscana il prossimo 8 ottobre a chiedere giustizia dei sacrosanti diritti di ognuno di noi ad un procedimento elettorale corretto.Ci auguriamo davvero che Matteo Salvini, insieme ai rappresentanti di tutte le forze politiche che hanno sostenuto la mia candidatura in campagna elettorale, dopo l’8 ottobre siano costretti a tornare a Viareggio, questa volta per chiedere i voti a quel ballottaggio al quale crediamo di avere diritto”.

 

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: