Il presidente del Consiglio regionale esprime “piena solidarietà e vicinanza” alla giornalista sportiva palpeggiata in diretta tv

0

“Serve un cambiamento culturale”. Plauso all’identificazione dell’autore. Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente del Corecom Toscana Enzo Brogi
Firenze – “La Toscana non è quella violenza che abbiamo visto in tv. La Toscana è terra di diritti e di rispetto, all’avanguardia da sempre. Sono vicino a Greta Beccaglia che spero di poter incontrare presto per esprimerle anche di persona la vicinanza e la solidarietà di tutto il Consiglio regionale e mi complimento con il commissariato di Empoli che ha identificato l’autore delle molestie. Serve però un drastico cambio culturale perché episodi del genere non si ripetano, non vengano minimizzati e ogni donna possa continuare a svolgere la propria professione con serenità, dignità e in totale libertà”.

Il presidente dell’Assemblea legislativa, Antonio Mazzeo, torna sul caso della giornalista sportiva di Toscana Tv molestata all’esterno dello stadio di Empoli e rilancia l’impegno del Consiglio regionale: “Siamo all’indomani delle celebrazioni contro la violenza sulle donne e per il lancio del numero unico nazionale 1522. Episodi come questo non possono e non devono accadere e non è più accettabile che anche una sola persona pensi di potersi voltare dall’altra parte o far finta di non vedere”.

Corecom: Brogi su giornalista sportiva molestata in tv, necessarie cultura, formazione e leggi più puntuali

“Fare tesoro di quello che è successo” e “stringersi attorno alla ‘nostra’ Greta Beccaglia che con la sua determinazione e coraggio rappresenta al meglio quella nuova generazione di toscani che porta avanti con caparbietà il proprio diritto e orgoglio a voler lavorare con dignità e professionalità, senza doversi misurare con il proprio fisico, con l’abbigliamento o il trucco”.

Il presidente del Comitato regionale per le comunicazioni, Enzo Brogi, interviene sul caso della giornalista di Toscana Tv molestata da un tifoso allo stadio di Empoli ed esprime “sincera vicinanza anche a nome di tutto il Comitato”. “Ho chiamato Greta e le ho rappresentato l’imbarazzo a festeggiare, domani, la Festa della Toscana, ossia una terra che per prima ha abolito la pena di morte e la tortura, ma che ancora è costretta ad ospitare gesti così stupidi, vili e volgari”.

“Stiamo riflettendo in questi giorni sulle battaglie per la parità, sulla necessità di leggi più puntuali, stringenti, ma soprattutto abbiamo bisogno di cultura e di formazione. Così avremmo meno persone irragionevoli e non qualificabili che si fanno grandi palpeggiando una donna che lavora” continua il presidente.

Brogi ha anche sentito il direttore di Toscana Tv, Marco Talluri, “perché sono consapevole del momento che vive la redazione con una giornalista molestata ed un altro collega, Giorgio Micheletti, che da studio l’ha invitata ‘a non prendersela’. Micheletti – commenta il presidente del Corecom – ha sbagliato, ma non sempre è così facile trovare le parole giuste in diretta. Si è giustificato dicendo che lo ha fatto per difendere e incoraggiare la collega. Ha moltissimi anni di lavoro alle spalle, ritengo sia sincero”.

Fonte: In Consiglio

Mazzeo

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: