Il Sarzana si arrende e perde in casa dell’Alimac

0

FORTE DEI MARMI – PalaForte 11 ottobre 2014 ALIMAC Hockey Club Forte dei Marmi-CARISPEZIA Hockey Sarzana

Carispezia Hockey Sarzana
Corona, Garofalo
Borsi, Sterpini, Dolce, Pistelli, Rossi, Squeo, Di Donato, Fioravanti.
Alimac Hockey Club Forte dei Marmi
Stagi, Consigli
Bellè, Giorgi, Torner, Orlandi, Gil, Motaran, Cancela, Maremmani. All. Roberto Crudeli
Arbitri sig.ri: Silecchia e Ferraro. Ausiliario Sig. Giannini.
Risultato finale: 8-5
Primo tempo: 1-0
Marcatori: Torner,
Secondo tempo: Squeo, Orlandi, Squeo, Torner, Gil, Dolce, Torner, Squeo, Cancela, Orlandi, Squeo, Gil.
Rigori: Borsi parato, 2 Orlandi 2 gol,
Punizioni di prima: Borsi parata, Gil  parata, Squeo gol.
Espulsioni con cartellino blu: Orlandi
Espulsioni con cartellino rosso: nessuna
Prima della gara è stato osservato un minuto di silenzio per commemorare la Sig.ra Carla Macchiarini madre di Claudio e Maurizio Macchiarini contitolari della ditta ALIMAC main sponsor dell’Hockey Club Forte dei Marmi.
Il premio Man of the match che i  giornalisti presenti hanno votato e offerto Inviato da iPhone
Discreto pubblico presente per questo derby Tosco-Ligure. Le due squadre si affrontavano in cerca dei tre punti per continuare la rispettiva marcia a punteggio pieno avendo vinto entrambe la prima gara di campionato disputata lo scorso sabato.
Nel Forte dei Marmi rientra Bellè dopo il fastidioso infortunio al muscolo adduttore destro prontamente curato dallo staff medico rossoblu. Da segnalare il debutto nei rossoblu del campione europeo Under 17 Giacomo Maremmani.

Cronaca del primo tempo:
8′ Torner tira e Borsi devia ingannando Corona, Forte in vantaggio.
9′ azione veloce dei rossoblu ma il portiere ligure nega la rete a Gil.
Cancela al 19′ prende l’incrocio dei pali con un tiro dal limite.
Nel frattempo belle parate dei due portieri che evitano alle loro squadre di subire reti.
Il Forte è un po’ troppo lezioso cercando spesso la rete con finezze di troppo.
Al 23′ Corona nega la rete a Gil.
Giallo subito dopo, Gil tira e colpisce la traversa la palla picchia nella barra dentro la porta e rientra in pista, gli arbitri incredibilmente fanno proseguire per poi concedere un rigore al Sarzana per fallo tecnico in area rossoblu. Stagi lo para due volte, visto che nella prima occasione gli arbitri avevano fatto ripetere.
Finisce 1-0 per i padroni di casa il primo tempo.
Secondo tempo:
Bella azione del Sarzana con il Forte sbilanciato in avanti e Squeo pareggia con un tocco di prima al 1′.
Al 3′ rigore per il Forte per fallo su Torner, Orlandi realizza.
Pochi secondi e Squeo su punizione indiretta infila il sette alla sinistra di Stagi e forse complice una deviazione pareggia nuovamente.
6′ Gil, Orlandi, Torner: tutto di prima e i rossoblu tornano avanti, passano 30″ e Gil con un rasoterra incrociato realizza la quarta rete.
10′ Dolce si presenta davanti a Stagi e dimezza lo svantaggio, ma non passa neanche un minuto che Torner in gran serata riporta avanti di due reti l’ALIMAC.
12′ anche Squeo è in gran serata e riduce ancora lo svantaggio con una bomba da fuori.
13′ tap in di Cancela su tiro di Motaran respinto dal solito Corona: 6-4.
14′ Stagi para a Borsi la punizione di prima concessa per il decimo fallo rossoblu.
17′ traversa di Motaran.
23′ aggancio in area e rigore per i padroni di casa che Orlandi realizza nuovamente.
Decimo fallo dei liguri Corona para la punizione di prima a Gil, Squeo la realizza e Gil con una azione solitaria segna e chiude sull’8-5 l’incontro.
Nel secondo tempo è stato un grande Corona a impedire un passivo più importante alla propria squadra.

Sicuramente i palati fini non saranno rimasti delusi da questa partita.

Ci pare doveroso ringraziare tutto lo staff, atleti, tecnici e dirigenti, della nazionale under 20 che ai campionati europei di Valongo non si è qualificata per la finalissima solo per una rete subita al golden gol contro la favoritissima Spagna al termine di una partita ricca di colpi di scena e di capovolgimenti di fronte. La nazionale, che nella finale per il terzo e quarto posto ha perso la prima partita nei 50′ regolari di questo europeo, non porta a casa che la medaglia di legno, ma sicuramente porta a casa tanti consensi, avendo pareggiato anche contro il Portogallo che poi si è laureato campione per la quarta volta.
Moto d’orgoglio rossoblu, la presenza in questa nazionale di due nostri atleti: i fratelli Verona.

Foto Paolo Scuttari

No comments