Il Vescovo Benotto tra la gente di mare

0

MARINA DI PIETRASANTA – Gente di mare, così è la comunità di Marina di Pietrasanta. Gente semplice e genuina che ama la sua terra, che ha vissuto momenti difficili ma anche di grande prosperità, che ora tuttavia si trova in mezzo ad una crisi mondiale di cui fa le spese l’intera comunità. Questa terra è meravigliosa in qualsiasi stagione, ricca di tradizioni e di futuro grazie anche alle nuove generazioni che si impegnano per conservare e sviluppare ciò che gli avi hanno costruito. In inverno la gente sembra scomparire, ma la trovi sul pontile o sulla battigia del mare a pescare o ad osservare il mare ed i suoi meravigliosi tramonti. Gente industriosa che va e viene dalle città limitrofe per lavori anche di grande responsabilità. Gente di casa, che vive nelle villette con il giardino che cura e in cui coltiva anche l’orticello. Gente che ama fare festa e così vuole accogliere, presso il Pontile di Tonfano, Monsignor Giovanni Paolo Benotto in Visita Pastorale nelle terre della Versilia storica che bacia i quattro Comuni di Pietrasanta, Seravezza, Forte dei Marmi e Stazzema. L’Arcivescovo di Pisa verrà a fare visita e sarà a Marina di Pietrasanta venerdì 19 dalle ore 21 per incontrare la sua “gente di mare”. Il Vescovo, nella lettera di annuncio ai sacerdoti, ha spiegato che la visita pastorale vuol essere un incontro paterno e fraterno con le varie componenti della sua Chiesa, con ogni uomo di buona volontà, con le diverse Istituzioni presenti sul territorio e, per quanto possibile, con ogni espressione del vivere sociale, culturale, politico ed economico per manifestare il vero volto della Chiesa per la quale “le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce degli uomini d’oggi, dei poveri soprattutto e di tutti coloro che soffrono, sono pure le gioie e le speranze, le tristezze e le angosce dei discepoli di Cristo” (Gaudium et Spes 1). Con la visita il vescovo insegna ed impara, si fa conoscere e conosce, si rende conto delle ricchezze delle singole comunità e offre il suo ministero per una migliore armonizzazione del cammino della singola comunità con quello delle altre e dell’intera chiesa diocesana. “Lavoratori del Mare” perché, come ha detto Papa Francesco in un suo intervento ai lavoratori umbri, lavoro vuol dire dignità, lavoro vuol dire portare il pane a casa, lavoro vuol dire amare!

No comments