Inari: cartoline di Natale viventi nella Lapponia finlandese

(di Benedetta Baudone) – Inari è un tipico villaggio della Lapponia finlandese, completamente immerso nella Natura: distese di neve, un grande lago ghiacciato che circonda la zona (Lago Inari), qualche casetta colorata che ogni tanto spunta tra gli alberi innevati, una piccola chiesa luterana e nient’altro. Qui potete trovare i classici paesaggi che rispecchiano l’immaginario comune dei paesi lapponi.

Inari è famosa in inverno per lo stesso motivo di Tromsø : alta probabilità di vedere l’Aurora Boreale.
Ma oltre allo scenario fiabesco e alla sua posizione favorevole, è anche il centro della cultura Sami, una popolazione autoctona molto legata alla tradizione che nei tratti somatici ricorda un po’ gli eschimesi. Nel piccolo centro del villaggio si trova sia il Parlamento Sami che il Museo Siida che racchiude tutta la storia della loro cultura.

Attività da poter fare a Inari:
– Visitare il Museo Siida
Il museo interamente dedicato alla cultura Sami, un mondo affascinante pieno di storia e tradizione. Potete trovare tutte le informazioni che riguardano questo popolo: mostre fotografiche; oggetti tipici, compresi i loro vestiti coloratissimi; spiegazioni sulle origini della loro lingua e su i loro metodi di sopravvivenza nell’Artico. Insomma, un quadro completo della loro evoluzione. Nell’auditorium ogni giorno alle 12 e alle 15 proiettano le fotografie dell’Aurora Boreale di Martti Rikkonen.
– Partecipare ad un’escursione per una ciaspolata nel bosco
Se notturna ancora meglio, perché oltre ad essere più suggestiva, avrete la possibilità di vedere l’aurora boreale! Durante il percorso la guida vi parlerà delle leggende e della cultura finlandese. A metà poi ci si ferma per accendere il fuoco e bere una cioccolata calda, sperando nell’apparizione di qualche scia verde nel cielo.
– Guidare una motoslitta
Attraversando il lago Inari in motoslitta si ha l’impressione di essere circondati da una distesa infinita di zucchero più che dalla neve. Fare lo slalom tra gli alberi innevati nel bosco e raggiungere punti panoramici da cartolina è sicuramente un’esperienza da non perdere.
– Cercare l’aurora boreale
La ricerca dell’aurora boreale è tra le attività più gettonate in inverno. Si può optare per un fai-dai-te oppure affidarsi ad una delle escursioni ed andare in mini-van, potendo scegliere tra quella di 2 ore e mezzo o di 4 ore. Se si sceglie di cercarla in autonomia, il lago Inari è un ottimo punto per vederla!
– Visitare una fattoria di renne
Considerando che la Finlandia conta più renne che persone, non può mancare un incontro ravvicinato con questi bellissimi animali! Noi abbiamo scelto di visitare la fattoria di Tuula a 20 minuti di auto dal centro di Inari e raggiungibile in taxi.
Le renne della zona sono quasi tutte domestiche, per questo non hanno affatto paura dell’uomo. Lei e il marito possiedono molti ettari di foresta circostante quindi sono libere, ma spesso stanno vicino casa perché sanno di poter contare su una quantità di cibo extra.

Mangiare a Inari
Si trovano ristoranti che fanno sia piatti tipici – tra cui pesce del lago, renna e un dolce al formaggio molto particolare – che hamburger. Ma la scelta di ristoranti/pub, come ben si può immaginare, è veramente limitata. C’è anche un piccolo Super Market aperto fino alle 22 proprio davanti all’Hotel Inari. Per la colazione invece è molto carino il bar che si trova all’interno del museo Siida che ha tanti dolcetti tipici dal nome impronunciabile, tra cui i korvapuusti e i berliininmunkki. I primi delle brioches alla cannella e i secondi dei krapfen glassati di rosa ripieni di marmellata ai lamponi.