Ultime News

Inquinamento: a Pistoia stop a caminetti e a stufe a legna

0

PISTOIA (di Edoardo Altamura) – Un’ordinanza del Sindaco di Pistoia, Samuele Bertinelli, vieta da ieri, venerdì 9 dicembre, a martedì 13 «l’utilizzo di legna in camini aperti o stufe tradizionali per il riscaldamento domestico, a meno che questi non siano l’unica fonte di riscaldamento dell’abitazione e con l’esclusione delle aree non metallizzate». Un’ordinanza che va ad aggiungersi a quella del 28 ottobre scorso con cui viene limitata esclusivamente alle aree comunali situate ad almeno 200 metri sopra il livello del mare la possibilità di bruciare sfalci, potature, residui vegetali o altro materiale fino al 31 marzo prossimo. È da ricordare il Piano di Azione Comunale per il risanamento della qualità dell’aria 2016-20, detto Indice di elevata criticità.

Entrambe le misure sono tese alla riduzione dell’inquinamento atmosferico, ma l’ultima emessa si è resa necessaria visto il «superamento del valore 7 nella somma tra numero di giorni di superamento del parametro PM10 e numero di giorni con condizioni meteo favorevoli all’accumulo degli inquinanti». Queste valutazioni vengono rilevate e comunicate grazie al lavoro congiunto del Consorzio LaMMA (Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale per lo sviluppo sostenibile) e di ARPAT (Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana).

Collegandosi al sito del LaMMA e navigando sulla pagina dei grafici per ogni inquinante relativamente alle diverse zone regionali (consultabile a questo link) è possibile notare che nella zona Prato Pistoia la maggiore criticità è riscontrabile nell’area di Montale (PT), i cui picchi, anche sono non sono stati i più alti, risultano i più frequenti. Sono infatti 12 i superamenti del limite di 50 µg/m3, oscillanti tra 51 e 98.

Sul sito istituzionale del Comune di Pistoia è disponibile, insieme ad altre utili informazioni, un vademecum «per contribuire alla riduzione delle emissioni in atmosfera e al miglioramento della qualità della vita di tutti» a questo link.

No comments