La denuncia di una cittadina: “La Guardia Medica non mi ha fatto la puntura”

1

VIAREGGIO – “Ieri 15 giugno 2015 alle ore 20.45 mi sono presentata presso la guardia medica del Tabaracci di Viareggio munita di prescrizione del mio medico curante e dei farmaci per effettuare una iniezione per lombosacralgia. La guardia medica non ha voluto effettuare l’iniezione, congedandomi dicendo che lei non effettuava iniezioni, senza dare altre indicazioni per risolvere l’ esigenza”. La mail, inviata alla stampa, è di una cittadina: “Dolorante per la patologia in atto, mi sono rivolta al 118 spiegando la problematica. L’ operatore del 118, impossibilitato a risolvere in altra maniera la situazione, ha suggerito di parlare nuovamente con la guardia medica, passandole la telefonata. Alla rinnovata richiesta di poter ricevere la prestazione, il medico ha ribadito il suo rifiuto, giustificandolo con il fatto che si trattava una prestazione infermieristica e che mi sarei dovuta rivolgere al mio medico (sebbene fuori dal servizio ordinario data l ora serale) o ad un vicino o amico. Fatto presente che il vicino non è un infermiere e quindi non idoneo ad effettuare la prestazione infermieristica, la dottoressa ha suggerito un infermiere privato a pagamento di cui però non è stata in grado di dare alcun contatto. Mi auguro che nessun turista o altri cittadini, in particolare anziani, si trovi in situazioni analoghe”.

1 comment

  1. Margherita 2 Settembre, 2015 at 15:57

    In realtà la guardia medica, o più correttamente “medico di continuità assistenziale” ha seguto alla lettera le sue disposizioni, in nessun caso la guardia medica e’ tenuta a somministrare farmaci prescritti da un altro operatore sanitario, ne tantomeno e’ compito del pronto soccorso. La guardia medica poteva visitarti e prescriverti dei farmaci nel caso lo ritenesse opportuno oppure poteva, sempre se ritenuto necessario a seguito della visita, somministrare dei farmaci SOLO SE presenti NEL DISPENSARIO DELLA SEDE DI CONTINUITÀ ASSISTENZIALE. Per i compiti del medico di guardia potete andare a vedere l accordo nazionale della medicina generale. Ricordo inoltre che il medico di continuità assistenziale NON deve nemmeno effettuare prescrizione su ricettario ssn (rosso) di farmaci prescritti da altri medici ma utilizzarlo SOLO per farmaci salvavita e per terapie d urgenza. Prima di sparare a zero su i medici……

Post a new comment

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: