La figlia di Che Guevara a Campi Bisenzio: Forza Italia protesta

Una delle figlie di Ernesto Che Guevara, Aleida, è in arrivo a Campi Bisenzio, per partecipare all’intitolazione di una via al padre. Per l’occasione, incontrerà anche gli studenti di una scuola. Iniziativa che ha mandato su tutte le furie il deputato di Forza Italia Giorgio Silli.

“Forte condanna per la decisione del Comune di Campi Bisenzio di intitolare una strada cittadina a Che Guevara”, scrive Silli in una nota, dove protesta anche per il fatto che “il 12 marzo, in occasione dell’intitolazione della targa, l’amministrazione abbia previsto di far incontrare Aleida Guevara con gli studenti del liceo Agnoletti”. Silli ha anche annunciato un’interrogazione in parlamento al ministro dell’istruzione Bussetti.

“Che Guevara non è certo un fulgido esempio di democrazia – sottolinea Silli -. fu un guerrigliero, con l’interno di liberare l’intera America Latina dagli Usa. Stalinista dichiarato, voleva annientare le ‘piovre capitaliste’ ed ha sempre avuto – scrive Silli – un viscerale odio contro tutti gli omosessuali e istituì, nel 1960, il primo campo di lavoro forzato a Cuba per omosessuali”.