“La Giunta Del Ghingaro continua a fare nomine, intervenga il Prefetto”

0

VIAREGGIO – “La giunta Del Ghingaro continua a fare nomine (quella dell’Organismo Indipendente di Valutazione e CdI della Fondazione Carnevale ) e affidamenti (La Zattera, in Passeggiata); l’addetta stampa (o presunta tale) invia comunicati dalla posta elettronica del Comune… ma è regolare tutto questo, dopo che il Tar ha annullato le elezioni del 2015 e destituito, di fatto, la giunta stessa?”. La nota arriva dal coordinatore di Forza Italia Alessandro Santini: “Lo chiedo al Prefetto di Lucca, Giovanna Cagliostro: è possibile che, dopo una sentenza provvisoriamente esecutiva, la giunta Del Ghingaro continui a prendere decisioni e sottoscrivere atti a nome del Comune di Viareggio e per il Comune di Viareggio? E’ possibile che i collaboratori di quella giunta continuino a utilizzare gli strumenti di comunicazione istituzionale? Se tutto questo è regolare e legittimo, allora è legittimo anche che venerdì 15 luglio si svolga il consiglio comunale, assemblea di cui la segreteria ci ha da poco comunicato l’annullamento proprio per effetto delle disposizioni del Tar Toscana.

Chiedo quindi a Sua Eccellenza il Prefetto di intervenire, chiarire la situazione e, soprattutto, nominare al più presto il commissario, per non lasciare la città in questo limbo di confusione istituzionale. Chiedo pubblicamente a tutti gli indicati dall’ex sindaco Del Ghingaro per vari ruoli e posizioni di non accettare questi incarichi: si tratta di nomine dalla dubbia legittimità, atti di indirizzo politico compiuti da chi non è più sindaco per effetto di una sentenza del Tar Toscana immediatamente esecutiva. Ho contattato alcune delle persone indicate da Del Ghingaro per il Cdi della Fondazione Carnevale: c’è chi, addirittura, non ne sapeva assolutamente nulla”.

“Leggo che alcuni esponenti politici continuano a distorcere la realtà in danno ad una corretta informazione ai propri concittadini e solo, ancora una volta, a fini strumentali, dicendo che non sono legittime le ultime nomine del sindaco – ribatte David Zappelli: “in realtà Giorgio Del Ghingaro gode ancora dei propri poteri amministrativi fino alla nomina del commissario, pertanto affermazioni di senso contrario tendono soltanto a creare ingiustificate preoccupazioni”.

Ma amministrativisti, professori universitari, e prefetti affermano il contrario: il sindaco, dopo la sentenza, avrebbe solo poteri di ordinaria amministrazione, e quindi gli atti compiuti oggi sarebbero nulli. Probabile che qualcuno presenti ricorso.

 

 

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: