La ricetta della settimana: le origini dei Cenci di Carnevale

Bugie, cenci, frappe, galani o cròstoli, in toscana “cenci”: i dolci tipici di Carnevale cambiano nome a seconda della regione d’Italia in cui si mangiano, ma la ricetta è più o meno sempre la stessa. Sottili o un po’ più corpose, i cenci di Carnevale sono un dolce che si tramanda da secoli forse anche grazie alla sua facile ricetta e per niente dispendiosa.

Che siano fatte in casa, acquistate al supermercato o in pasticceria, vengono fatte a forma di striscioline leggermente rondellate ai bordi e fritte di abbondante olio e successivamente messe su carta assorbente per privarle dell’olio in eccesso e servite fredde spolverate da zucchero a velo. L’impasto è a base di farina, zucchero burro e  uova.

C’è poi chi aggiunge del Marsala, chi del vino bianco, chi del Vin Santo. Le varianti dipendono ovviamente dalle usanze regionali.

STORIA

Le origini sono molto antiche. Secondo gli storici risalgono, infatti, a quando nell’antica Roma si celebravano i Saturnali, una festa molto simile al Carnevale odierno. Durante questo periodo di banchetti e feste popolari, in cui tutti i canoni sociali venivano ribaltati, uno dei simboli d’eccesso erano le frictilia, dolci fritti nel grasso di maiale, distribuiti alla folla fra le strade della città.  Si era soliti farne grosse quantità perché dovevano durare per tutto il periodo della Quaresima.

Questo dolce veniva servito alla folla che si recava in strada per festeggiare il carnevale, e poiché era semplice da preparare se ne potevano fare grande quantità in breve tempo e ad un costo basso.

INGREDIENTI (per 6 persone)

  • 250 g Farina 00
  • 40 g Zucchero Semolato
  • 20 g Burro
  • 10 ml Olio Extravergine D’oliva
  • q.b. Zucchero A Velo Vanigliato
  • 2 Uova Intere
  • 1 PIzzico Di Sale
  • q.b. Olio Per Friggere

PREPARAZIONE

Per preparare l’impasto dei cenci di Carnevale, mettere su una spianatoia, la farina 00, versare al centro, lo zucchero, l’olio extravergine d’oliva, il burro e le uova. Lavorare accuratamente tutti gli ingredienti con la punta delle dita finché essi non si saranno perfettamente amalgamati assieme, fino ad ottenere un impasto elastico e morbido. A questo punto, è necessario realizzare una palla con la pasta, coprirla con un canovaccio e lasciarla riposare per 30 minuti circa. Trascorsi 30 minuti, prendere il tuo impasto per i cenci, lavoralo ancora per alcuni minuti e poi, con l’aiuto di un mattarello infarinato, stenderlo, su un piano, cercando di ottenere una sfoglia molto sottile (di circa 3 millimetri di spessore).

Utilizzando il rullo dentellato, dividere l’ impasto in tanti rettangoli. Versare abbondante olio in una padella a bordi alti e quando sarà bollente friggere i cenci di Carnevale pochi alla volta fino a dorarli prima da un lato e poi dall’altro. Una volta cotti scolare i cenci con una schiumarola e disponili in un vassoio ove sarà appoggiato un foglio di carta assorbente da cucina per eliminare l’olio in eccesso. Quando perso l’olio in eccesso, toglierli dal vassoio, posizionali sopra un altro vassoio da portata e spolverali con abbondante zucchero a velo. A questo punto, saranno pronti per essere gustati.