“La ruspa ha fatto il suo lavoro. Che abbiamo fatto di male? Dove andiamo?”

1

TORRE DEL LAGO – “La ruspa ha fatto il suo lavoro. Le ‘case’ di prima sono solo macerie. Questo è riuscita a fare la politica …. lasciare macerie”. Lo scrivono in una nota i Berretti Bianchi, dopo lo sgombero di ieri mattina ( LEGGI ANCHE: Campo Rom, il giorno dello sgombero è arrivato  )

13939506_1032201073562028_9009429931822668891_n“Ieri pomeriggio siamo tornati al campo – proseguono –  Da parte dei rom non ci sono state imprecazioni, come sarebbe stato comprensibile, solo molti perchè. Perchè proprio a noi? Perchè ci hanno fatto questo?, Cosa abbiamo fatto di male? E ora dove andiamo? Niente imprecazioni, solo sconcerto, sgomento e lacrime. Il dolore più grande, la preoccupazione maggiore, è per i bambini. Solo in serata siamo riusciti a sistemare, per una notte, una giovane mamma con le sue due bambine (due e tre anni). A loro nessuno ha prospettato niente, in barba a trattati internazionali primi fra tutti la Dichiarazione Internazionale dei diritti del fanciullo …… e poi la Costituzione. L’ex Sindaco del Ghingaro aveva scritto: “Andremo a poco a poco verso la sua chiusura. Senza grandi proclami e senza ruspe di sorta”. Basta guardare la foto per rendersi conto di cosa hanno fatto. E’ vero, ora c’è il Commissario Prefettizio ma l’ex Sindaco si è prodigato nell’indicargli fra le priorità la chiusura del campo”.

13902751_1032202543561881_8734660702084777832_n“Hanno distrutto cinque container che probabilmeente potevano essere usati per altre emergenze – concludono -, abbiamo assistiito al fallimento della politica, visto che il campo era comunale e nesssuna Amministrazione è stata capace di elaborare un serio progetto di inserimento. Per sgomberare non è necessario essere grandi menti, il difficile è progettare e fare il bene della comunità. Otto famiglie, con i loro bambini, sono in mezzo a una strada. Dormiranno in macchina, in tenda ….. Vivranno condizioni igienico-sanitarie peggiori di quelle presenti all’interno del campo. Oggi, in modo particolare, soffre la comunità rom che non ha capito quale errore ha commesso per meritarsi tutto questo. Forse quello di esistere? E’ sconcertato il volontariato che ha tentanto in tutti i modi di impostare un dialogo con l’Amministrazione ma che ha trovato solo porte chiuse”.

1 comment

  1. Viaregginese 10 Agosto, 2016 at 12:41

    Dove andate ??? Rimboccatevi le maniche ed andate a lavorà, pagando l’affitto, come fanno tutti i comuni mortali.. Anziché vivere di accattonaggio e rompendo i co^^^^i ad ogni supermercato.. Ma io un ce l’ho neanche con voi ma con quei …… che vi difendono !!! #WLERUSPE!!

Post a new comment