“La scuola crolla, gli studenti no. Vogliamo sicurezza”: protesta dell’Alberghiero sotto al Comune

0

VIAREGGIO – “Vogliamo sicurezza”. “La scuola crolla, gli studenti no”. “Rispettate i nostri diritti”. “Scuola per vivere, non per morire”. Studenti, genitori e professori uniti: è di questa mattina la protesta dell’Alberghiero Marconi difronte al Comune di Viareggio, dopo il crollo dei soffitti della scorsa settimana e la “visita”, ieri, di Striscia la Notizia. La richiesta è che l’edificio scolastico venga messo in sicurezza. Un’appello – con tanto di striscioni e cori, e diversi ragazzi vestiti da cuochi e camerieri con in mano vassoi e piatti – rivolto sia all’amministrazione viareggina che alla Provincia per mettere in regola aule e laboratori.

Il vice sindaco Valter Alberici ha poi accompagnato una delegazione di studenti e il preside Lorenzo Isoppo dal primo cittadino di Viareggio Giorgio Del Ghingaro, che ha assicurato che a breve verrà effettuata una verifica statica e strutturale del plesso scolastico.

“La protesta che si è tenuta davanti al Comune di Viareggio organizzata e promossa dagli Studenti dell’Istituto Alberghiero che ha sede presso il Collegio Colombo è l’apice di una situazione di grave disagio che ormai da tempo vede la nostra parte politica promotrice di un intervento diretto a ripristinare una situazione strutturale e di scurezza divenuta insostenibile”. Commentano Alfredo Trinchese e Alberto Pardini, rispettivamente della Lega Nord e di Fratelli d’Italia: “Alla base di tutto sta un’assurda normativa quale quella che ha voluto la solo formale abolizione delle Province senza una riallocazione di funzioni e risorse ad altri Enti. Così che ad oggi la Provincia esiste sempre come organo politico ma è svuotato di forza economica tanto da non poter far fronte ai doveri ed oneri che pure ancora la Legge gli affida. Per di più l’attuale Presidente Menesini, espressione delle forze di centro sinistra della provincia di Lucca, non è stato in grado di coordinare con la Regione Toscana un intervento che fosse in grado di porre rimedio ai problemi di natura strutturale che affliggono in modo gravissimo le aule didattiche ed i laboratori del Collegio Colombo. Nel corso dell’ultimo consiglio comunale si è votato all’unanimità un documento che spinga tutte le forze istituzionali presenti sul territorio a fare ogni sforzo possibile affinché si possa reperire le risorse economiche necessarie a consentire alla scuola di poter essere sicura e rimessa nelle condizioni murarie idonee. Noi che facciamo della praticità e dell’onestà un nostro credo politico però siamo ben consci che la dormita che è stata fatta da Menesini e dell’Amministrazione di Viareggio sul tema sino ad oggi deve forzatamente far pensare ad un duplice intervento. In primis una messa in sicurezza di quelle parti della muratura e degli interni che consentano ai ragazzi ed ai docenti di poter arrivare in sicurezza a giugno, perché pensare adesso di porre in essere tutte le opere necessarie al ripristino ed alla piena funzionalità della struttura metterebbe a rischio la possibilità di poter svolgere con pienezza l’anno scolastico per tutti coloro che lo frequentano. L’intervento massivo dunque deve essere rimandato a giugno ma la politica che guida Provincia e Comune deve assumersi ogni responsabilità sui disagi e sulle mal funzionalità create a tutti colori che frequentano l’istituto e deve immediatamente porre in avvio quelle opere necessarie a garantire la sicurezza fino a fine anno scolastico. Che brutto davvero che si sia tralasciato di verificare su come intervenire per evitare tale sfacelo. Gli alunni ed i docenti hanno il diritto di studiare in un ambiente sicuro, funzionale e che consenta loro di poter essere all’avanguardia con quello che è il loro percorso formativo. Lega nord e Fratelli d’Italia sono uniti  per poter reperire quanto prima le risorse economiche necessarie al recupero del Collegio Colombo attraverso ogni iniziativa istituzionale che sia a ciò necessaria”.

 

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: