La valigia di salvataggio, il progetto di contrasto al femminicidio approda alla scuola marescialli e brigadieri di Firenze

0

FIRENZE – La valigia di salvataggio, il progetto di contrasto al femminicidio dell’associazione Salvamamme approda nelle aule della scuola marescialli e brigadieri dell’Arma dei Carabinieri di Firenze.

Il 30 novembre 2017 gli studenti del terzo anno della scuola marescialli e brigadieri dell’arma dei Carabinieri di Firenze saranno in aula con gli operatori dell’associazione Salvamamme per parlare del progetto “Valigia di Salvataggio. Per non tornare indietro” Patrocinato dal Ministero della Giustizia, e avviato in collaborazione con la Polizia di Stato con due protocolli operativi firmati (insieme all’Associazione “Rete di Sicurezza Attiva”) con la Questura di Roma e con il Gruppo Sportivo delle Fiamme Oro Rugby.

Il progetto è nato per sostenere le donne in fuga da una situazione di violenza domestica. La valigia e i suoi servizi, che vuole essere un modello da realizzare in Italia e in Europa, è un’ancora di salvataggio che offre loro un piano di azione completo che le metta al sicuro nei primi giorni successivi all’abbandono della loro casa o in momenti di alta criticità, anche con oggetti che possono essere utili, dagli abiti e le scarpe ai prodotti per l’igiene personale, fino a tutte le informazioni, dai numeri utili all’assistenza psicologica e legale.

Si parlerà del contesto e la dimensione del fenomeno con la giornalista Rossella Alimenti, della tutela penale della donna vittima di violenza con l’avvocato Fabio Arigoni, degli aspetti sociali e criminologici con Arije Antinori, criminologo e degli aspetti psicologici con Katia Pacelli, psicologa e direttore Generale Salvamamme. Il progetto sarà presentato da Gabriella Salvatore, criminologa e responsabile progetto.

Il 20 dicembre si replicherà presso la scuola Ufficiali Carabinieri di Roma.

No comments