Latitante ubriaco al volante esibisce documenti falsi per non farsi catturare: arrestato dalla Polstrada

0

PISA – È da poco scoccata la mezzanotte di domenica, quando i telefoni della sala operativa della Polizia Stradale sembrano impazziti. Tantissime le telefonate degli automobilisti, che segnalano preoccupati una Mercedes ML che avanza a tutta velocità, zigzagando pericolosamente nel traffico della Fi-Pi-Li.

L’auto viene intercettata sull’SGC all’altezza di Pontedera (PI), dalla pattuglia della Sezione di Pisa, impegnata nel consueto dispositivo a reticolo, con l’aiuto della volante del Commissariato di Pontedera.

Alla guida c’è un giovane, accanto siede una ragazza. Lui consegna ai poliziotti la patente e la carta d’identità rilasciate in Romania, ma appare piuttosto nervoso, oltre che palesemente ubriaco. Viene sottoposto al test dell’etilometro e risulta positivo, con un tasso alcolemico di 1,56 g/l, pari a tre volte il limite consentito dalla legge.

L’automobilista è sempre più agitato e questo fa insospettire ulteriormente gli agenti della Polstrada, ai quali i documenti esibiti sembravano falsi.

Decidono allora di accompagnare l’uomo presso gli Uffici della Scientifica della Questura di Pisa, dove gli vengono prese le impronte digitali e controllati minuziosamente i documenti.

E così viene smascherato: è italiano, di 26 anni, romano ed è ricercato.

Nonostante la giovane età, infatti, è un pericoloso criminale, che deve scontare, tra l’altro, una condanna a quasi 6 anni di carcere per tentato omicidio.

I poliziotti della Stradale, dopo averlo denunciato per guida in stato di ebbrezza e per uso di atti falsi, lo hanno arrestato e portato in carcere a Pisa, dove dovrà espiare la pena.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: