“Le ferrovie rifanno la Stazione, perchè ora?”

VIAREGGIO – “Le Ferrovie rifaranno la stazione, paga Rfi, anche per aiuole e arredo. Non entriamo nel merito della questione…bene per Viareggio…ma perchè, e perchè ora?”

La nota stampa arriva dall’Onlus il Mondo che Vorrei, che raggruppa i parenti delle vittime della strage ferroviaria del 29 giungo 2009:

“Quando l’Amministrazione Lunardini ha accettato i soldi dei morti delle assicurazioni di Ferrovie fu dichiarato che servivano per rifare, giustamente, il sottopasso…sono stati smentiti dalla Corte dei Conti e la Guardia di Finanza sta ancora indagando! E’ stata rifatta la piazza della stazione con fondi regionali appositi e ci doveva  essere la stazione degli autobus…e poi? Dove sono gli autobus? Ed i soldi? Ma quante volte devono essere sovvenzionati gli stessi progetti?  In tribunale abbiamo sentito più volte da dirigenti RFI che hanno piani decennali, ventennali per  interventi e   migliorie,  perchè per Viareggio hanno detto subito di sì alla prima semplice richiesta? Come sono buoni! Perchè sono così buoni con Viareggio? E perchè questa richiesta è stata fatta ora ed accettata subito, poco prima di una sentenza per la morte di 32 persone che dovrà spiegare quale sicurezza, se c’è una sicurezza in ferrovia per il trasporto di merci pericolose, assassine?  Vogliono forse influenzare il collegio giudicante con il loro buon comportamento ed il loro buonismo? Mercoledì scorso in aula, da un consulente che ha lavorato alla valutazione del sistema di sicurezza di RFI, ci siamo sentiti dire che “è uguale trasportare merci pericolose o passeggeri…quando passa un treno è meglio scansarsi…” ed ha precisato che se un treno deraglia le misure da mettere in atto sono “evacuazione e soccorso”! Questo è la grande sicurezza a cui è giunto “l’autore  del Sistema Integrato di Sicurezza (SIS)di RFI” Carlo De Rosa! Noi familiari siamo indignati da questi comportamenti e da tempi così inopportuni, ma è anche vero che da tempo era nell’aria del palazzo che “Ferrovie deve qualcosa a Viareggio…sarebbe ora di chiudere questa partita….” Noi non vogliamo proprio chiudere niente con nessuno, sarà il Giudice a chiudere un processo che da 7 anni attende giustizia per la morte di 32 persone innocenti, in questo crediamo! E forse è vero che pensiamo male.. e forse faremo anche peccato ma sicuri…ci indoviniamo!”.

Lascia un commento