Lutto a Viareggio, a 5 mesi dalla morte del senatore Pieraccini scompare la moglie Vera

0

VIAREGGIO – Sono passati 5 mesi dall’ultimo saluto al Senatore Pieraccini, e oggi è scomparsa la moglie Vera. Due esistenze legate da qualcosa di più forte della vita stessa, che hanno attraversato insieme gli anni bui del ‘900 e poi la rinascita e la ricostruzione.

Vera Verdiani, in Pieraccini, si è spenta nella sua casa a Viareggio.  Era di origine fiorentina, aveva 93 anni, era una donna colta, laureata in lingua e letteratura inglese.

“Due persone che amavano Viareggio di un amore incondizionato.

Così stasera alla vigilia delle feste di Natale, mi torna in mente un articolo denso di giovinezza che il Senatore Pieraccini scrisse in età già avanzata – commenta il sindaco Giorgio Del Ghingaro: parlava di un ritorno avventuroso da Firenze a Viareggio, in ottobre nell’immediato dopo guerra, insieme alla moglie Vera.

«Ancora una volta andavamo in bicicletta – scrive – io pedalando, mia moglie seduta sulla canna. Pioveva fittamente e Vera teneva l’ombrello aperto (…).Il primo incontro con la città l’avemmo, quando arrivammo dalla strada di Camaiore a Marco Polo sui viali a Mare, ci colpì un singolare, surreale spettacolo. Sull’asfalto dei viali, scarsamente calpestati nei mesi dell’evacuazione della città, erano cresciuti i girasoli (…). Non era ancora moltissima la gente ritornata e c’era una strana aria di desolazione e insieme di rinata speranza, nel segno, anche inconsciamente sentito, che nuovi giorni sarebbero giunti nel segno della libertà».

Io li voglio ricordare così: insieme in bicicletta, con l’ombrello testardamente aperto contro la pioggia battente, e ad attenderli i girasoli di Viareggio”.

No comments