Mai più fascismi, mobilitazione a Massarosa: appuntamento stasera davanti al Comune

MASSAROSA – Appello delle Sezioni ANPI della Versilia a tutte le persone, partiti e associazioni democratiche e antifasciste, per un presidio antifascista pacifico, non violento e silenzioso nella piazza Taddei, “partigiano trucidato proprio dai seguaci di quell’abominio che ora viene evocato da Casa Pound e simili, e che domani sera intendono profanare con la presentazione dei loro candidati alle prossime elezioni politiche”.

“Raccomandiamo di non rispondere alle possibili provocazioni ma con fermezza presenziamo, rispondendo al nuovo fascismo, con Calamandrei, “ai nostri posti ci troverai” Si stanno moltiplicando nel nostro Paese sotto varie sigle organizzazioni neofasciste o neonaziste presenti in modo crescente nella realtà sociale e sul web. Esse diffondono i virus della violenza, della discriminazione, dell’odio verso chi bollano come diverso, del razzismo e della xenofobia, a ottant’anni da uno dei provvedimenti più odiosi del fascismo: la promulgazione delle leggi razziali”, si legge nella nota: “Per questo, uniti, vogliamo dare una risposta umana a tali idee disumane affermando un’altra visione delle realtà che metta al centro il valore della persona, della vita, della solidarietà, della democrazia come strumento di partecipazione e di riscatto sociale. Per questo, uniti, sollecitiamo ogni potere pubblico e privato a promuovere una nuova stagione di giustizia sociale contrastando il degrado, l’abbandono e la povertà che sono oggi il brodo di coltura che alimenta tutti i neofascismi. Per questo, uniti, invitiamo le Istituzioni a operare perché lo Stato manifesti pienamente la sua natura antifascista in ogni sua articolazione, impegnandosi in particolare sul terreno della formazione, della memoria, della conoscenza e dell’attuazione della Costituzione. Per questo, uniti, lanciamo un allarme democratico richiamando alle proprie responsabilità tutti i livelli delle Istituzioni affinché si attui pienamente la XII Disposizione della Costituzione (“E` vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”) e si applichino integralmente le leggi Scelba e Mancino che puniscono ogni forma di fascismo e di razzismo. Per questo, uniti, esortiamo le autorità competenti a vietare nelle competizioni elettorali la presentazione di liste direttamente o indirettamente legate a organizzazioni, associazioni o partiti che si richiamino al fascismo o al nazismo, come sostanzialmente previsto dagli attuali regolamenti, ma non sempre applicato, e a proibire nei Comuni e nelle Regioni iniziative promosse da tali organismi, comunque camuffati, prendendo esempio dalle buone pratiche di diverse Istituzioni locali”.

Questa sera anche Rifondazione Comiunista sarà in piazza contro vecchi e nuovi fascismi a Massarosa:
“Riteniamo inaccettabile che ancora nel 2018 esista una agibilità politica per quelle forze di estrema destra che si sono rese responsabili del clima di odio e razzismo entro cui sono esplosi veri e propri atti di terrorismo come quella di Macerata.
il ministro Minniti le sciolga immediatamente, anziché vietare le manifestazioni equiparando fascismo e resistenza!
Lo affermiamo forte e chiaro sapendo che più che mai in campagna elettorale, c’è chi prova schifosamente a lucrare voti sulle peggiori paure della gente, che si tratti di furti nelle case o di crimini efferati. A chi risponde alle legittime richieste di sicurezza dei cittadini offrendo la militarizzazione del territorio e delle vite, rispondiamo con l’unica strategia veramente efficace: la riappropriazione popolare del territorio e dei nostri paesi.
Rivendichiamo con orgoglio di aver proposto, insieme a Sinistra Comune e per conto dell’ANPI, la delibera per vietare l’utilizzo degli spazi pubblici alle organizzazioni neofasciste, che facciamo appello pubblico alle istituzioni, Sindaco e Prefetto su tutti, ad applicare.
Stasera saremo orgogliosamente in piazza Taddei a Massarosa, a partire dalle 20.00, di fronte al monumento ai caduti della resistenza, aderendo all’appello promosso da ANPI e ARCI a cui abbiamo dato il nostro apporto nell’organizzazione dell’appuntamento
Ora e sempre resistenza!”

L’appuntamento è per stasera giovedi 8 febbraio alle 20.15 difronte al municipio