Maltempo, Mallegni: “La Toscana ha sottovalutato rischi”

0

PIETRASANTA – “In Liguria, con grande e largo anticipo sono state prese le contromisure adeguate in vista dell’annunciata ondata di maltempo. Nella Regione Lazio è stato fatto lo stesso. Bene hanno fatto il Governatore Giovanni Toti ed il suo assessore alla Protezione Civile, Giacomo Giampedrone, in Liguria, e il Governatore, Nicola Zingaretti nel Lazio, seguendo l’esempio del collega, a prepararsi al peggio per evitare disagi e potenziali rischi per la popolazione. E la Regione Toscana? La Toscana, pur essendo una regione con 280 comuni ad elevato rischio dove vivono mezzo milione di persone, sono concentrate 92mila case e 13mila aziende, sono ad elevato rischio idrogeologico e dove la storia avrebbe dovuto insegnarci che non possiamo più sottovalutare il maltempo vista la fragilità del territorio, è rimasta immobile di fronte alle minaccia limitandosi al lancio dell’allarme meteo senza però attivare le procedure indispensabili per scongiurare l’ennesima tragedia che questa volta ha colpito Livorno con almeno sei vittime e dispersi ancora da quantificare”. E’ il commento di Massimo Mallegni, Sindaco di Pietrasanta e vice coordinatore vicario di Forza Italia. “A Pietrasanta abbiamo attivato da ieri sera i volontari della Protezione Civile che hanno presidiato il territorio per tutta la notte monitorando corsi d’acqua e griglie nelle zone a rischio come la frazione del Castello e Borgo a Strettoia. Tutto è filato liscio. Abbiamo annullato, con un giorno di anticipo, proprio in funzione di quell’allarme arancione, la Festa de L’Opinione dove oggi avrebbe dovuto partecipare, per la chiusura il Presidente Silvio Berlusconi, nella convinzione che non possiamo permetterci di muoverci in ritardo ne di sottovalutare i potenziali rischi per la comunità. E’ necessaria una riflessione sulle modalità coordinata di gestione degli allarmi meteo in Toscana”.

No comments