Delitto Iacconi, “abbreviato secco” per il reo confesso: a settembre decisione per percorso di recupero

0

FIRENZE – ( di Letizia Tassinari ) –  Udienza di tre ore quella di questa mattina al Tribunale per i Minorenni di Firenze, durante la quale sono state discusse le richieste avanzate dagli avvocati Giacomo Ciardelli e Valentina Tognocchi, legali del minore reo confesso che la notte di Halloween massacrò a colpi di casco Manuele Iacconi, deceduto a distanza di un mese dopo l’aggressione in via Coppino in Darsena. Dopo una lunga camera di consiglio, su parere favorevole del pm Ersilia Spena, il gup Monica Gaggelli ha ammesso il rito abbreviato secco, ossia senza condizioni: non verranno cioè sentiti l’altro minorenne e Alessio Fialdini che tramite il suo legale avvocato Massimo Landi ha fatto sapere che si sarebbe comunque avvalso della facoltà di non rispondere. Il ragazzino, presente in aula, ha riferito al giudice la sua condizione attuale nella comunità di Termoli, dove si trova da quando ha lasciato il carcere. La famiglia di Manù, con il loro legale avvocato Riccardo Carloni, pur non potendo costituirsi parte civile trattandosi di processo minorile, ha comunque assistito all’udienza. il prossimo 14 settembre verrano sentiti i servizi sociali, per permettere al giudice di decidere sul suo percorso di recupero. La difesa del minorenne punta infatti alla messa in prova.

“La decisione di avvelersi della facoltà di non rispondere anticipata al Tribunale dei Minori – spiega l’avvocato Massimo Landi – è motivata esclusivamente dalla necessità di garantire il diritto di difesa di un indagato quale è il mio cliente che risponderà al momento opportuno e soprattutto quando e se gli verranno formulate precise contestazioni”.

No comments