Massaciuccoli Romana: il museo più social

MASSAROSA – Per il secondo anno consecutivo l’area archeologica Massaciuccoli Romana   vince la sfida dei musei  più attivi di tutto il mondo sui social network.

Durante la  #MuseumWeek 2016, l’iniziativa che dal 28 marzo  al  3 aprile ha visto  più di  3500 musei di 70 paesi del mondo  impegnati a “cinguettare” su Twitter, Massaciuccoli Romana è risultata – per il secondo anno consecutivo- l’area più cinguettata e cinguettante, posizionandosi  sulla vetta della classifica davanti a “colossi” come British Museum  e il Louvre.

“Uno straordinario risultato – sottolinea il consigliere delegato alla cultura Federico Pierucci- che attesta, se mai ce ne fosse stato bisogno, la straordinaria vitalità del Gruppo Archeologico Massarosese e la competenza del  direttore scientifico  Francesco Ghizzani. In questi anni l’area Massaciuccoli Romana ha raggiunto risultati non solo virtuali ma anche reali  come quello realizzato durante  le festività pasquali nelle quali oltre 1000 visitatori sono transitati dal sito e nei padiglioni. La conferma che con cuore e passione si può andare molto lontano”.

“Abbiamo sempre creduto nella forza dei  social network – afferma Francesco Ghizzani, direttore scientifico dell’area archeologica di Massaciuccoli – perché crediamo che rappresentino un ottimo canale per far conoscere all’esterno le attività del museo e dell’area archeologica, in modo più informale e diretto. Abbiamo riscontrato che  molte persone  vengono  a farci visita di persona perché incuriosite o stimolate da ciò che leggono su Twitter, Facebook, Instagram o che vedono su Periscope. Il risultato- conclude Ghizzani- non è tanto nell’ aver vinto una sfida mondiale, quanto nell’aver fatto capire che i musei, anche se piccoli, possono essere un grande  motore di partecipazione popolare perché il risultato è stato ottenuto  grazie alla partecipazione e al supporto dei  nostri visitatori e dei cittadini”.

Lascia un commento