Massimiliano Baldini: “Non ci facciamo prendere in giro da Romanini”

0

VIAREGGIO – Le scuse del vice sindaco Chiara Romanini sono ”ridicole” ed il Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago Puccini le rispedisce al mittente “perchè non ci facciamo prendere in giro da nessuno, tanto meno da questa signora alla quale insistiamo nel chiedere le dimissioni immediate”.

Romanini, dopo giorni di silenzio durante i quali ha cercato di tamponare in ogni modo una responsabilità, istituzionale prima ancora che amministrativa e politica , evidente a tutti, non facendosi minimamente scrupolo di coinvolgere nel ridicolo il sindaco, i colleghi di partito e quelli di maggioranza, adesso gioca la carta delle scuse nel ”vano tentativo – attacca Massimiliano Baldini, consigliere comunale della lista civica – di sottrarsi alla naturale sanzione politica per chi ricopre ruoli pubblici. E lo fa con una presunzione senza limite perchè dice di fornire le sue scuse seppur le sue priorità sono quelle di garantire un futuro a questa città, un futuro fatto di cose concrete, di risultati, come se fosse insostituibile, la sola all’interno PD a poter garantire a Viareggio questi risultati e, quindi, sottintendendo, l’impossibilità di essere sollevata dal sindaco. Non insisto su questo tema che lascio volentieri alla riflessione degli esponenti del suo partito, così ridicolizzati dal Romanini pensiero.
Ancora oggi ci sono state importanti prese di posizione da parte del ragioniere capo del Comune Santoro e dal Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti, Limberti, chiamati in causa e coinvolti dal Capogruppo di Viva Viareggio Viva Troiso al quale “va conferito per questa illuminante azione politica,  il premio Richelieu”.
Santoro è stato cristallino, lapidario, “appare impossibile allo stato attuale redigere il bilancio di previsione 2014 nel rispetto delle norme di finanza locale”.
Un ragionamento che si aggiunge a quanto già dichiarato dai Revisori dei Conti, dall’Ispettore del Mef e da quella stessa Corte dei Conti di fatto sollecitata ad intervenire proprio dallo stesso Santoro.
“Torno a chiedere – continua il consigliere di opposizione – a chi dobbiamo affidare il risanamento della città ?. Al vice sindaco Romanini che, dopo mille resistenze, ha ammesso di non aver fornito ai consiglieri comunali notizie fondamentali sullo stato dei conti del comune a pochi giorni dall’approvazione degli equilibri di bilancio, inguaiando i suoi stessi colleghi che votarono all’oscuro della nota dell’allora ragioniere capo ?. Agli ex capigruppo di maggioranza, oggi assessori e presidenti del consiglio con “portafoglio”, che prima hanno dichiarato di aver ricevuto l’informativa in conferenza capigruppo salvo poi, di fronte ai verbali, alle assenze ed alle maldestre ricostruzioni del fatto, finire per “balbettare sugli specchi” di fronte alle richieste della stampa ?.

Al sindaco che fra il suo vice ed il consiglio comunale ha scelto di sacrificare quest’ultimo anche di fronte all’evidenza, salvo poi essere smentito dalla stessa Chiara Romanini ormai all’angolo in forza degli atti ?. Ai consiglieri comunali “Pasdaran” pronti, pur di salvare la poltrona, ad attaccare anche il ragioniere capo ed i revisori dei conti ed allargando ancora di più il vulnus istituzionale aperto dal vice sindaco ?”.

“Io credo fermamente di no – conclude Baldini – perchè finirebbero solo per aggravare la situazione della città e delle tasche dei cittadini, combinandone di cotte e di crude, carnevale compreso”.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: