“Mattarella non ci riceverà, andremo dal Papa”, anniversario amaro per la strage di Viareggio

0

VIAREGGIO – Sarà ancora una volta un anniversario amaro quello del 29 giugno prossimo per i familiari delle vittime della strage ferroviaria di Viareggio. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in una lettera inviata due giorni fa a Daniela Rombi, presidente del “Mondo che vorrei”, ha negato la possibilità di incontrare i parenti delle 32 vittime del disastro.  Una richiesta avanzata per iscritto all’indomani dell’elezione dell’ex costituzionalista al Quirinale nel marzo scorso, per chiedere a Mattarella di scongiurare la caduta in prescrizione del reato di incendio colposo. Uno dei maggiori capi di accusa formulati dalla Procura di Lucca, per il quale sono alla sbarra manager e presidenti, e che decadrà nel dicembre 2016.
“Il Capo dello Stato non può intervenire nel procedimento penale in corso” – è stato risposto dalla segreteria del Presidente, al quale i comitati avevano chiesto non un intervento di merito ma solo di sensibilizzare il Governo affinché il reato di incendio colposo non finisse in prescrizione. “Ci sentiamo presi in giro” – attacca Daniela Rombi – “ da uno Stato che rifiuta di costituirsi parte civile e accetta i 15 milioni di risarcimenti. E delusi da due capi di Stato che si fanno vedere a fianco di Mauro Moretti in tutte le occasioni ufficiali”.
I comitati però non si scoraggiano e puntano dritto su Roma. “Andremo comunque di fronte al Quirinale entro agosto per manifestare e tentare di incontrare il Presidente all’uscita. Se lui non ci riceve saremo noi a farci trovare da lui.” E non solo. I familiari faranno appello anche a Papa Francesco. “Seguiremo tutte le strade per essere ricevuti e ascoltati dal Pontefice.”
Intanto è pronto il programma per le celebrazioni del 29 giugno. Il corteo quest’anno sarà più lungo e partirà direttamente da via Ponchielli, per poi attraversare via Porta Pietrasanta, Largo Risorgimento, cavalca ferrovia, via San Francesco, Passeggiata, Via Mazzini, stazione ferroviaria, Croce Verde (con l’omaggio al senatore Milziade Caprili.) e ritorno alla casina dei ricordi, dove sarà allestito il palco. Da lì sarà proiettato un cortometraggio sulla strage e sui retroscena processuali, fino alla lettura rituale dei nomi delle 32 vittime , in attesa dell’ora maledetta in cui scatterà il sesto anniversario di quella notte di fuoco e morte.
Ad anticipare la giornata, domenica mattina a partire dalle 8.45, ci sarà la consueta ciclo pedalata Viareggio-Cardoso, organizzata dal Cral Vigili del Fuoco. Faranno da apripista i familiari di Manuele Iacconi, il giovane ucciso la notte di Halloween in Darsena, che resteranno in testa al corteo su due ruote per i primi 2 km. Il resto della carovana attraverserà tutta la Versilia fino a Cardoso in memoria delle vittime della stazione e dell’alluvione.

Il comitato provinciale dell’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, parteciperà alla manifestazione in memoria della strage del 29 giugno 2009 che si terrà a Viareggio. Sarà presente il Presidente Giuseppe Rava ed alcuni membri delle sezioni ANPI locali per esprimere solidarietà e vicinanza ai familiari delle vittime e alla città di Viareggio

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: