Maui, il cane avvelenato avrà giustizia: indagata 80enne, in casa aveva il lumachicida

0

VIAREGGIO – Maui, l’anziano jack russel di Viareggio, avvelenato e salvo per miracolo, dopo le cure alla clinica Colombo di Lido di Camaiore ( LEGGI ANCHE Avvelenato con una polpetta: Maui lotta per  E: Ha lottato contro la morte, ma ora Maui è a casa sano e  ) avrà giustizia.L’indagine, portata avanti dalla Procura di Lucca, ha portato a identificare l’autrice della tentata uccisione del povero cane, avvelenato con una polpetta farcita con il lumachicida. Si tratterebbe di un’anziana pensionata viareggina, 81 anni. nella cui casa, durante una perquisizione, è stata ritrovato il potente veleno, lo stesso che Maui aveva ingerito rischiando di morire. Interrogata, la donna ha confermato di essersi spesso lamentata per l’abbaiare del cane. Le indagini proseguono per capire se l’anziana abbia agito da sola o con l’aiuto di altre persone.

“Sono arrivati numerosi esposti in merito a episodi molto gravi, vittime animali. Un segnale di incivilità e barbarie che non intendiamo tollerare. Un ufficio del pubblico ministero sarà in prima linea per scoprire e punire come prevede il codice penale gli autori di queste sevizie che provocano indicibili sofferenze ai nostri amici a 4 zampe. Saremo intransigenti nei confronti di chi si macchierà di simili condotte”. Le parole sono quelle del procuratore capo di Lucca, dottor Pietro Suchan che ha istituito una sezione ad hoc all’interno della PG per occuparsi esclusivamente di reati contro cani, gatti e animali domestici.

“Avrei certamente preferito che Maui non diventasse famoso per un motivo del genere – commenta Silvia Scali, proprietaria del 4 zampe che solo per un miracolo, e la bravura del veterinerio, si è salvato dalla morte: “ma spero che questo serva a scoraggiare chi pensa che delitti del genere rimangano impuniti e quindi si accinga ad perpetuare atti di violenza sugli animali”.

No comments