Maurizio Martina a Lucca e a Viareggio: “un progetto riformista, unitario ed europeista per rilanciare il Partito democratico”

Un progetto riformista ed europeista: un riformismo umano, sviluppato con le persone. È questo il partito che ha in mente Maurizio Martina, segretario reggente del Partito democratico e candidato alla segreteria PD per le primarie del prossimo 3 marzo. Un progetto che ieri (mercoledì 30 gennaio), nel duplice appuntamento di Lucca, al circolo del centro storico in piazza San Francesco, e di Viareggio, Martina ha potuto spiegare alle varie persone intervenute. Accanto a lui il consigliere regionale Stefano Baccelli.

“C’è una visione d’insieme che guarda all’Europa, all’Europa delle persone e dei popoli: un partito che proponga soluzioni, diventi un laboratorio politico e attragga sempre più persone, sempre più giovani. Occorre ripartire dai nostri valori, dai valori del Partito democratico che rappresentano l’essenza di quello che siamo”. Quindi, un appello all’unità. “Si possono avere differenze di pensiero e di azione all’interno dello stesso partito, ma occorre andare tutti nella stessa direzione”.

Anche il consigliere Baccelli ha fatto un appello all’unità e alla partecipazione. “Dobbiamo ritrovare la strada, rispondere colpo su colpo a questo populismo imperante e pericoloso, dare risposte e costruire un’alternativa credibile e profonda. È importante che ci sia una grande partecipazione il giorno delle primarie: l’Italia ha bisogno del Partito Democratico, di un partito che non guarda indietro, che non ha rancori, ma che, orgoglioso delle proprie riforme, traccia la strada per il futuro”.