Mille foto e seicento documenti convertiti in digitale: il Comune di Seravezza investe nel proprio retaggio storico

SERAVEZZA – Mille immagini e seicento documenti cartacei definitivamente passati al formato digitale, affinché il bene prezioso della memoria non vada perduto. L’Amministrazione Comunale di Seravezza sceglie la vigilia dei Giorni della Memoria (27 gennaio) e del Ricordo (10 febbraio) per annunciare il completamento del primo step del lungo e ambizioso progetto di digitalizzazione dei documenti contenuti nell’Archivio Storico Comunale. L’annuncio si accompagna al varo di un intenso programma di eventi promossi in collaborazione con la Fondazione Terre Medicee, l’Istituto Comprensivo di Seravezza, l’Istituto professionale “Guglielmo Marconi” e l’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Lucca che, a partire da oggi, coinvolgerà cittadini e studenti e che porterà a Seravezza alcune personalità di alto profilo culturale ed istituzionale.

 
La digitalizzazione dell’Archivio Storico Comunale
 
Completato nei tempi previsti il passaggio al formato digitale di circa 1.000 immagini della Fototeca Storica e di 600 documenti cartacei facenti parte dell’Archivio Storico Comunale. Il lavoro è stato realizzato da IB Agency su incarico del Comune.
La Fototeca Storica contiene immagini relative a luoghi, monumenti, scorci di vita quotidiana e mestieri della Versilia Storica dei primi del Novecento. L’intervento di digitalizzazione ha comportato l’apposizione di un watermark alle circa 700 foto digitalizzate in precedenza, nonché la scansione delle restanti ancora detenute sotto forma di negativo o di stampa, la loro indicizzazione e la cosiddetta marcatura semantica, ovvero la creazione di indici con particolari chiavi di ricerca che ne renderanno rapida e precisa la consultazione. Una selezione di circa 300 immagini sarà adesso caricata su BiblioLucca.it, il catalogo online di pubblica consultazione del polo documentario lucchese, di cui fanno parte 56 enti tra archivi pubblici e privati. Con le foto scansionate è stato anche realizzato un video di circa 7 minuti che sarà accolto nella sezione multimediale del Museo del Lavoro e delle Tradizioni Popolari di Palazzo Mediceo.
La seconda parte della digitalizzazione riguarda l’Archivio della Memoria, la speciale sezione dell’Archivio Storico Comunale post-unitario in cui sono raccolti atti amministrativi, documenti, manifesti, opuscoli e testimonianze filmate e audio riguardanti gli anni del secondo conflitto mondiale. Si è intervenuti in questo caso su una prima tranche di circa 600 documenti cartacei provvedendo alla scansione elettronica, all’apposizione del copyright tramite filigrana digitale e alla catalogazione. Studiosi e ricercatori potranno consultare il materiale ad alta risoluzione presso la Biblioteca. Parte della raccolta sarà resa disponibile in bassa risoluzione anche sul sito web del Comune, nella sezione della Biblioteca “Sirio Giannini”. Entro fine gennaio è previsto il trasferimento da VHS a supporto magnetico dei video conservati presso l’Archivio Storico (questo intervento è curato da FPS Foto e Video di Pietrasanta). Il prossimo step sarà dedicato al trasferimento di tutti i contributi audio ancora conservati su cassette a nastro.
 
In Biblioteca un Angolo della Memoria multimediale
 
Fino al 27 gennaio la Biblioteca Comunale “Sirio Giannini” ospita un Angolo della Memoria con romanzi, saggi, film e documentari a disposizione di tutti coloro che vogliono saperne di più sulla Shoah. Tutti i materiali possono essere consultati in loco o presi in prestito. L’Angolo accoglie anche un video che mostra in loop alcuni documenti tratti dall’Archivio Storico Comunale e relativi alla Seconda Guerra Mondiale. Nel Giorno del Ricordo (10 febbraio) la Biblioteca allestirà la Valigia dell’Esodo, contenente volumi, film e documentari dedicati alle vittime delle foibe, a tutti gli italiani d’Istria, Fiume e Dalmazia che nel secondo dopoguerra furono costretti ad abbandonare le loro terre e alla complessa vicenda del confine orientale d’Italia.
La Biblioteca è aperta al pubblico dal lunedì al venerdì ore 14:30 – 18:30; il lunedì anche al mattino dalle 9 alle 13; il sabato dalle 14:30 alle 18:00.
 
Gli studenti della media “Pea” si confrontano con le leggi razziali
 
Comune di Seravezza e Istituto Comprensivo celebrano congiuntamente il Giorno della Memoria con due conferenze nell’auditorium della “Enrico Pea” di Marzocchino sul tema delle leggi razziali fasciste, a ottanta anni dalla loro emanazione. Si inizia oggi, mercoledì 24 gennaio, con l’intervento di Federico Bertozzi dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Lucca e di Paola Lemmi, insegnante dell’Istituto, sul tema “La menzogna della razza: genesi, emanazione ed applicazione delle leggi razziali fasciste”. All’incontro portano le loro esperienze gli studenti del liceo scientifico “Michelangelo” di Forte dei Marmi che nel gennaio 2017 parteciparono al Treno della Memoria organizzato dalla Regione. Venerdì 26 gennaio Federico Bertozzi e Paola Lemmi approfondiranno la tematica con una lezione interattiva intitolata “La menzogna della razza: esclusione ed educazione al razzismo nella scuola fascista”. Il percorso, riservato agli alunni delle classi terze, sarà trattato mediante il ricorso a immagini, video, pubblicazioni, documenti, testimonianze. Nell’occasione sarà allestito nell’atrio della scuola un Armadio della Memoria dedicato a “L’invenzione dell’odio: razzismo e antisemitismo nell’Italia fascista”.
 
L’onorevole Valdo Spini a Seravezza nel Giorno della Memoria
 
Sabato 27 gennaio l’onorevole Valdo Spini, presidente della Fondazione Circolo Fratelli Rosselli di Firenze, interverrà alla celebrazione ufficiale del Giorno della Memoria presso il Teatro delle Scuderie Granducali (inizio ore 10), presenti le autorità cittadine. In questa occasione, aperta a tutta la cittadinanza, la professoressa Paola Lemmi dell’Istituto Comprensivo di Seravezza riproporrà la conferenza sul tema “La menzogna della razza. Genesi, emanazione ed applicazione delle leggi razziali. L’esclusione e l’educazione al razzismo nella scuola fascista” già presentata agli studenti delle scuole medie cittadine.
 
Giorno del Ricordo: alla conferenza di Armando Sestani interviene il sottosegretario Cosimo Maria Ferri
 
Le celebrazioni per il Giorno del Ricordo, sabato 10 febbraio, vivranno un momento importante alle Scuderie Granducali con inizio alle ore 10 con la conferenza a cura di Armando Sestani, vicepresidente dell’Istituto Storico della resistenza e dell’Età Contemporanea di Lucca su “Il confine orientale italiano tra conflitti, tragedie ed esodi”. Interverrà il sottosegretario di stato alla giustizia Cosimo Maria Ferri. L’evento è aperto alla partecipazione di tutti i cittadini.

Lascia un commento