Minacce di morte al Sindaco di Lucca Alessandro Tambellini per delibera ‘antifascista’

Minacce e offese cariche di odio indirizzate al sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini. Sono quelle comparse ieri sul sito della testata giornalistica online Lucca In Diretta, sotto l’articolo che dava notizia della delibera di Palazzo Orsetti, dove si prevede che, chi richiede di usufruire del suolo pubblico debba firmare un modulo in cui dichiara di fare propri i principi antifascisti e antirazzisti della Costituzione. L’odio degl haters è esploso con almeno cinque frasi ingiuriose. Da chi ha auspicato di “vederlo seppellito”, passando per chi “spera che si svegli freddo” ricordandogli come sia “la vergogna di Lucca”.

Le offese hanno immediatamente scatenato le reazioni di solidarietà da parte del mondo della politica: oltre all’Anpi di Lucca e Rifondazione Comunista che hanno condannato l’attacco, anche il presidente del gruppo consiliare di Forza Italia, Marco Martinelli esprime la propria vicinanza al sindaco: “Condanniamo le minacce comparse sui social. È assolutamente sbagliato scendere a livelli così bassi per dimostrare contrarietà ai provvedimenti della giunta”. Ferma condanna anche da parte del consigliere regionale Pd, Stefano Baccelli: “Si è oltrepassato ogni limite della civile convivenza democratica – dice – se si arriva al punto di minacciare di morte il sindaco. Ancora più grave se si prende a pretesto un atto amministrativo che ribadisce alcuni principi fondamentali della Costituzione”. “Quei fascisti lucchesi che su Facebook lanciano invettive contro il sindaco di Lucca, amico e compagno Alessandro Tambellini, che ha la sola colpa di chiedere il rispetto della Costituzione, sappiano che non ci lasciamo intimidire dalle loro sbruffonate e dalle loro minacce di violenza. In tempi ben peggiori i nostri nonni seppero resistere. Noi abbiamo buone radici per farlo ancora”. Lo scrive su Facebook il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi esprimendo solidarietà al sindaco di Lucca Alessandro Tambellini.