Morti in corsia, la Cassazione annulla la revoca delle misure cautelari per l’infermiera

0

PIOMBINO – Arrestata e scarcerate, per Fausta Bonino, l’infermiera finita in manette per mano dei Nas per le morti all’ospedale con iniezioni letali, dovrà tornare di nuovo al tribunale del Riesame di Firenze. La Prima sezione penale della Cassazione infatti ha accolto il ricorso della Procura di Livorno contro la revoca delle misure cautelari a carico della donna accusata di aver provocato la morte di 13 pazienti ricoverati all’ospedale di Piombino nel reparto di anestesia e rianimazione, somministrando loro fiale di eparina. “Per la procura di Livorno – afferma il legale della donna, avvocato Cesarina Barghini –  è una vittoria di Pirro. Non cambierà niente e Fausta Bonino non tornerà in carcere. Lei è serena anche se c’è rimasta male come tutti noi: non si aspettava questa decisione”

No comments