Musei, archivi e biblioteche: oltre due milioni di euro per il 2019

FIRENZE – Come nel 2018, anche per quest’anno saranno destinati circa 2 milioni e 200mila euro a musei, reti di biblioteche e archivi in Toscana.

Per il 2019 è stato attivato un contributo ordinario dalla Regione Toscana dedicato ai progetti di queste realtà culturali, attraverso un sistema semplificato introdotto dalla giunta regionale, verrà garantita la qualità dei servizi offerti da queste istituzioni culturali e una maggiore continuità.

“Questo nuovo sistema di finanziamento attivato nel 2018 – sottolinea la vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni – ha dimostrato, anche in base alle relazioni sulle attività svolte dalle diverse strutture, di favorire realmente il rafforzamento, l’ampliamento e la qualità dei servizi culturali rivolti a tutti i cittadini.”

I soggetti destinatari delle risorse, accreditati in base ai requisiti previsti dalla normativa regionale, saranno valutati tenendo conto di criteri che fanno riferimento alla dimensione e alla qualità dei servizi offerti come sistema. Potendo contare su un sostegno finanziario più stabile nel tempo, i destinatari saranno in grado di ampliare le loro proposte e renderle stabili in modo sa assicurare servizi più duraturi. Tra i criteri di valutazione per i musei ci sono le dotazioni fisse e le strutture per attività didattiche, di documentazione e studio, i servizi di accoglienza, le aperture al pubblico, il numero di visitatori per metro quadrato di superficie, le attività educative o le visite guidate, fino al numero di utenti per tipologia di attività.

“L’efficacia di questi provvedimenti stimola lo sviluppo di un più articolato sistema di azioni che la Regione sta portando avanti – prosegue l’assessore- per garantire al sistema culturale toscano dei meccanismi più efficaci e continuativi di intervento regionale e, ai cittadini, il diritto a partecipare alla vita culturale attraverso l’educazione.