Ndrangheta in Toscana, Galletti (M5S): “Situazione grave. Il Presidente Giani riferisca urgentemente in Consiglio”

“La maxi operazione dei carabinieri e della Dda di Firenze che ha portato all’arresto di 23 persone per più attività criminali riconducibili alla ‘ndrangheta, denuncia tutta la debolezza della Regione Toscana e forse anche una sottovalutazione del fenomeno da parte di chi la governa se tra gli indagati compaiono perfino dirigenti di enti pubblici e politici toscani.”

Così Irene Galletti, Presidente del Gruppo Movimento 5 Stelle Toscana, in merito alla maxi operazione contro le infiltrazioni mafiose in Toscana che vede coinvolti anche funzionari delle istituzioni ed esponenti politici.

“Il prezioso ed encomiabile lavoro svolto dalle forze dell’ordine – spiega la Capogruppo M5S – non basta da solo a sopperire all’immagine che viene restituita ai cittadini toscani: quella di una regione pervasa dalla criminalità organizzata, che si permette di articolare più attività criminose in varie province e in molteplici settori: dal traffico di droga, al controllo dei lavori stradali, fino allo smaltimento illecito di rifiuti nelle concerie.”

“Il Presidente Eugenio Giani prenda atto che la situazione richiede che riferisca urgentemente in Consiglio Regionale sui fatti.” E conclude “Auspico che lo faccia di sua iniziativa, anche se non mancherò di avviare subito una raccolta firme tra le forze politiche responsabili in Consiglio regionale per vincolarlo a questo compito.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: