Nel Parco di San Rossore trovati lacci per cinghiali

Tre trappole con lacci di acciaio, per la cattura di frodo dei cinghiali, in un’area protetta del parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli: è quanto sequestrato dai guardiaparco in località Lecciona, area a riserva integrale, all’interno della Macchia Lucchese nel territorio di Viareggio (Lucca). L’operazione, spiega una nota, alla quale hanno partecipato anche le guardie ambientali volontarie del parco, rientra nelle attività di contrasto alla caccia illegale e anche al contenimento degli ungulati.
“Si tratta – spiega il comandante Paolo Benedetti – di una forma puramente speculativa di bracconaggio, posto che l’unico fine è quello di lucrare sulla carne del selvatico catturato, senza alcun rispetto della salute del consumatore, al quale viene data carne non controllata e, in ogni caso, pregiudicata nella qualità proprio a causa della forma di uccisione. Ben diverso  è il contenimento selettivo posto in essere dal personale del Parco Regionale, teso a ridurre l’ampio numero di ungulati presente nel territorio del Parco e che causa sia danni alla flora che potenziali pericoli per attività umane. I nostri uomini hanno profuso un grande impegno sotto gli impulsi dati dagli organi direttivi che hanno posto precisi obiettivi per riportare gli animali specie daini e cinghiali, in equilibrio. La vigilanza del Parco ha provveduto ad informare con notizia di reato la competente Procura della Repubblica di Lucca”.