Contro i neo fascisti un fiore bianco, il Pd a raccolta. Dalla sinistra storica rose color sangue: “La resistenza è rossa”

0

VIAREGGIO – Un fiore bianco, contro i neo fascismi. L’iniziativa del Pd a Viareggio, sull’onda della manifestazione nazionale a Como, dopo i gravi fatti dei 13 naziskin e la loro irruzione nella sede della rete pro migranti, ha chiamato a raccolta numerosi politici.

Presenti, tra i tanti,  al presidio al “piazzone” di fronte alla farmacia Tobino, il consigliere regionale Stefano Baccelli, Giuseppe Dati, Luca Poletti, Glauco Dal Pino, Gisa Mazza, Carlo Carli, Aldo Lasagna e Adolo Del Soldato.

Poi, in corteo, il gruppo ha sfilato lungo la via Battisti, per raggiungere piazza Nieri e Paolini, intitolata ai due giovani calafati uccisi dai fascisti, e deporre, sotto le note di Bella Ciao, alcune rose bianche.

“Il colore della Resistenza è rosso”, lo striscione appeso al cancello del palazzo municipale da parte di Repubblica Viareggina, con la Brigata Anti Sfratto e il Cantiere Sociale, con rose color sangue, quello versato dai partigiani, che furono anarchici, comunisti e socialisti mazziniani, parla chiaro. “Non neghiamo che altre culture politiche vi presero parte e che altri colori abbiano dignità – ribadisce la sinistra storica – “Tuttavia ognuno propone i suoi. E se il PD ha scelto il bianco dei partigiani cattolici e della Democrazia Cristina crediamo ci sia un perché. Ormai da tempo quel partito ha abbandonato gli ideali di sinistra portando avanti politiche liberiste che hanno permesso a fascisti e populisti di alzare nuovamente la testa. Non possiamo, inoltre, dimenticare quel loro Luciano Violante che mise sullo stesso piano partigiani e repubblichini. All’antifascismo di maniera di PD e soci opponiamo un antifascismo conseguente che deve tenere conto del conflitto sociale per questo al fiore bianco abbiamo scelto il fiore rosso”.

 

 

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: