Notte di follia nell’aretino, tentano assalto in un’azienda e fuggono

AREZZO – Un colpo tentato nella notte tra martedì e mercoledì in una azienda dalla Valtiberina, a Monterchi. Poi i banditi sono montati in auto decisi a darsi alla fuga. Hanno puntato verso Arezzo, ma intanto le forze dell’ordine si sono messe sulle loro tracce. E’ iniziato un inseguimento che è proseguito nel centro storico di Arezzo. Dall’uscita della Due Mari, in zona stadio, i banditi hanno puntato il cuore cittadino: hanno tagliato via Giotto, via Crispi, via Roma e hanno imboccato via Petrarca dopo la rotonda, poi – in zona Porta Buia – hanno abbandonato la vettura, avendo i carabinieri che li tallonavano.

Il tentato colpo è stato sventato dai Carabinieri di Monterchi intervenuti insieme ai colleghi del Nucleo Radiomobile. Nel cuore della notte l’allarme dell’azienda – storica attività che si occupa di recupero di materiali – è scattato e i titolari hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine. I malviventi, subito braccati, si sono dati alla fuga su un’auto di grossa cilindrata, a mani vuote. Hanno imboccato la Due Mari e sono scappati in direzione Arezzo. All’uscita in zona stadio sono stati intercettati dai carabinieri che li hanno inseguiti nel centro storico. Un percorso a tutta velocità nel cuore della città, poi la decisione di abbandonare la vettura e allontanarsi a piedi, sempre di corsa.

I carabinieri adesso stanno battendo tutte le piste: l’auto, che come un missile ha corso per le strade di Arezzo, è stata sottoposta ad accurati accertamenti. Sulla vicenda stanno indagando i militari della compagnia di Sansepolcro guidata dal comandante Angelo Bardi.