Nuova truffa telefonica: tutto parte con uno squillo dall’estero

Sembrano non conoscere fine le truffe di smartphone, con le quali ogni giorno i malviventi provano a prosciugare i conti telefonici di cittadini, con metodi sempre nuovi e complessi da fronteggiare.

Numerose le segnalazioni di chiamate insolite di questi tempi.  Le forze dell’ordine sollecitani la popolazione nel fare molta attenzione alle chiamate con prefisso estero : +216 (tunisia) +373(Kosovo) +383(moldavia) , poichè potreste essere vittime di una truffa.

L’ultima trovata per rubare il vostro credito telefonico comincia con un semplice squillo:  quando proverete a rispondere o richiamare, il numero in questione, verrà automaticamente inserito sul vostro piano tarriffario un abbonamneto ad un sito di giochi. Settimanalmente vi verranno detratti 7 € dal vostro smartphone, e non sarà possibile disdire tale abbonamento.

Ancora incerte le dinamiche di truffa, la protezione civile inviata perciò tutti a fare molta attenzione per quanto spesso possa, la risposta, essere un gesto automatico. 

 

Non e una certezza, ma in tali circostabze vi è il rischio di farsi copiare persino l’elenco dei contatti  in pochissimi secondi. Spesso presenti in tutti gli smartphone, per comodità e praticità, i dati sensibili , come quelli del conto banca o i dati della carta di credito sul telefono, con una semplice risposta al telefono, potrebbero infatti essere clonati ed utilizzati in tempi rapidi. Oltretutto, la provenienza dall’estero dei malintenzionati renderebbe anche difficili le indagini e l’individuazione dei colpevoli, nonostante gli incaricati stiano facendo un ottimo lavoro per comprendere i nodi del caso .

smartphone