Oliviero Toscani vs Rossi: stand Toscana “sciatto” a Vinexpo

FIRENZE (di Chiara Bini) – Parole dure sono quelle che Oliviero Toscani, il famoso fotografo milanese, toscano d’adozione, ha rivolto al Presidente della Regione Enrico Rossi. Oggetto della discordia è il padiglione della Toscana a Vinexpo di Bordeaux, manifestazione legata al mondo della viticoltura e del vino cui Toscani ha partecipato in qualità di proprietario dell’azienda vinicoa O.T. e membro dell’Associazione Grandi Cru Della Costa Toscana.”La qualità dell’architettura, del design e della grafica degli stand della Regione Toscana – ha scritto – era così bassa, che se l’avessi vista prima di partire non avrei partecipato”.

Una lettera lunga, in cui il fotografo si rammarica con il presidente Rossi per il modo in cui la nostra regione è stata mal rappresentata in un contesto internazionale di così alto livello: l’Italia e la Toscana, lo sappiamo bene, hanno in questo campo una reputazione tra le migliori, la qualità dei nostri prodotti è ricercata e apprezzata in tutto il mondo e il nostro stand all’interno della manifestazione, secondo Oliviero Toscani, avrebbe dovuto rispecchiare la grandezza del nostro nome. Ma così non è stato.

Non credo alla scusa della crisi, della mancanza di denaro – scrive il fotografo e viticoltore – perché progettare qualcosa di più interessante, intelligente e quindi bello non costa un centesimo in più di ciò che purtroppo abbiamo dovuto pagare e subire. La sciatteria, la mancanza di gusto e di cura del dettaglio, la goffaggine stilistica e l’approssimazione estetica sono invece elementi che ci fanno pagare un prezzo altissimo agli occhi del mondo”.

Continua: “Preferiamo non sapere che il decadimento culturale ed etico di oggi passa anche da queste cose. Ti potrei citare mille dettagli, della mediocrità dello stand, come il fatto che i due bravissimi sommelier messi a disposizione non hanno potuto lavorare perché il tavolo degustazione è stato isolato in un angolo dove era impossibile arrivare”.

Oliviero Toscani è sempre stato un personaggio controverso, non solo in ambito professionale:  a pochi mesi fa risale la polemica che l’ha visto contrapporsi al Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, per una dichiarazione del fotografo (una battuta fraintesa, si è poi giustificato) riguardo a una certa abitudine dei veneti di bere più del necessario.

Altra regione, altro presidente, altro vino, ma una questione e un obiettivo di ben altro tipo sono stati posti attraverso la lettera che Toscani scelto di rendere pubblica: “Spero che serva ad aprire una discussione su questo tema, e soprattutto spero che da domani la Regione Toscana, la più bella e famosa al mondo, torni a essere rappresentata con rispetto e splendore. Lo splendore che merita, di cui siamo responsabili.”.

Da parte del Presidente Enrico Rossi, per il momento, nessuna risposta, ma il dibattito è già aperto nell’opinione pubblica: obiettivo centrato.

Lascia un commento