Palazzo Rossetti: secondo polo espositivo a Seravezza, in piena sinergia con Palazzo Mediceo

SERAVEZZA – L’Amministrazione Comunale conferma la volontà di destinare Palazzo Rossetti ad attività espositive e di carattere culturale. Ampi e prestigiosi spazi per mostre ed esposizioni d’arte, dunque, da gestire in sinergia con le attività di Palazzo Mediceo in un’ottica di arricchimento dell’offerta culturale di Seravezza e di rafforzamento dell’asse tra il centro storico e l’Area Medicea. La conferma arriva dal sindaco Riccardo Tarabella che con l’assessore ai lavori pubblici Giuliano Bartelletti ha coordinato nei giorni scorsi un tavolo tecnico al quale ha partecipato anche il progettista degli interventi di restauro di Palazzo Rossetti architetto Nicola Gallo. All’ordine del giorno dell’incontro, gli interventi di chiusura del primo lotto, l’avvio del secondo e la messa a punto della progettazione per l’ultima tranche dei restauri. «Confermiamo quanto annunciato in campagna elettorale: Palazzo Rossetti sarà il secondo polo espositivo del capoluogo», dichiara il sindaco.

Traguardo in vista, intanto, per gli interventi di chiusura del primo lotto dei lavori. Si tratta di opere finanziate con i circa ventimila euro derivanti dal ribasso della gara d’appalto iniziale. Utilizzando tale somma è già stato sostituito (e parzialmente recuperato) il portone d’ingresso lato Duomo e sono stati rifatti gli intonaci compromessi nella corte interna al piano terra, sempre sul fianco sud del Palazzo. A breve sarà sistemata infine la pavimentazione del collegamento esterno tra Palazzo Rossetti e il giardino, intervento che permetterà anche di eliminare le infiltrazioni d’acqua che affliggono la sottostante volta di via Sant’Antonio.

«Mentre queste ultime opere si avviano a conclusione abbiamo iniziato la programmazione operativa del secondo lotto, per il quale il Comune dispone di un finanziamento di circa 200 mila euro erogato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca», spiega l’assessore ai lavori pubblici Giuliano Bartelletti. «La prima decisione è stata quella di modificare la tabella di marcia iniziale, anticipando in parte l’intervento di messa in sicurezza del giardino che era previsto in coda a tutte le opere che interessano il Palazzo. Questo è dovuto alla necessità di risolvere un problema verificatosi a causa di uno smottamento sul lato esterno del giardino stesso. L’intervento assorbirà una cospicua parte del finanziamento, circa 100 mila euro. Le disponibilità restanti saranno destinate alla realizzazione dell’ascensore. Su questo abbiamo al vaglio diverse opzioni e presto decideremo quale strada percorrere, tenendo conto anche delle necessità del Parco e del livello di comfort e di accoglienza che Palazzo Rossetti dovrà necessariamente offrire diventando un punto focale delle frequentazioni in piazza Carducci e nel centro storico da parte di tanti turisti e cittadini».

Lascia un commento