Pamela, Mallegni (Forza Italia): “In Italia 600mila Oseghale. Rimpatri subito per clandestini. Era uno dei richiedenti asilo di un centro di Marina di Carrara”

“In Italia ci sono 600mila potenziali Oseghale. Uomini invisibili che vivono ai margini con nickname e senza identità precisa, entrati nel paese per seguire un programma di accoglienza e sfuggiti al sistema di controllo per dedicarsi a delinquenza ed attività illecita. Innocent Oseghale, il nigeriano accusato di aver partecipato, insieme ad altri connazionali, all’omicidio di Pamela Mastropietro a Macerata, era stato ospitato in un centro di accoglienza di Marina di Carrara. Era uno dei richiedenti asilo del centro di via Loris Giorgi. L’immigrazione fuori controllo degli ultimi anni – analizza Massimo Mallegni, candidato al collegio uninominale Toscana 5 per il centro destra che comprende Lucca e Massa Carrara e capolista per Forza Italia nel listino proporzionale Toscana 1 che comprende Lucca, Massa Carrara, Pistoia, Prato e Firenze – ha posto le basi per creare all’interno del paese e delle nostre comunità un problema serio e reale di sicurezza perché il modello di accoglienza ha fallito. Non ha creato integrazione, ma solo un’ondata di nuova criminalità. Gli immigrati, e lo dice la statistica, delinquono in media 6 volte di più rispetto agli autoctoni. Nel nostro paese ci sono 600mila potenziali Oseghale, con permessi di soggiorno scaduti che non potrebbero stare in un paese normale e serio. Ma possono stare in Italia. C’è solo una soluzione: rimpatriare chi non ne ha diritto per ristabilire regole e sicurezza e fermare gli sbarchi. Io sono favorevole anche a mettere le navi militari di fronte alle nostre coste in assenza di un accordo per fermare questa invasione”.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: