Paolo Rossi al Teatro Nuovo di Pisa con ‘L’improvvisatore 2 ovvero: intervista a un anarchico gentile’

0

PISA – Dopo il successo grande della prima con Dave Holland Trio per Pisa Jazz, la stagione al Teatro Nuovo di Pisa prosegue con l’atteso appuntamento con Paolo Rossi in L’improvvisatore 2 ovvero: intervista a un anarchico gentile, i suoi dei, la rivoluzione… e i cazzi suoi, di e con Paolo Rossi e con Emanuele Dell’Aquila e Alex Orciari, prodotto da La Corte Ospitale, in programma giovedì 23 novembre alle ore 21:30. Un appuntamento d’eccezione, realizzato in stretta collaborazione tra l’Associazione Nuovissimo e TIP (Teatri in Piazza): Paolo Rossi presenterà un curioso autodafé in forma di intervista dove Rossi racconta la sua vita, la sua opera, le sue esperienze dall’esordio fino ad oggi. Peculiarità dello spettacolo è che l’intervistatore verrà scelto di sera in sera tra il pubblico a insindacabile giudizio del capocomico e della Compagnia. L’esilarante spaccato di un’epoca realizzato, con musica e canzoni, da uno dei suoi comici più rivoluzionari.

“In questo Improvvisatore 2, ovvero L’Intervista, mi affiderò al genere appunto dell’intervista in cui, come in bizzarre conferenze, il pubblico sarà per forza o per forza inevitabilmente coinvolto. Il tema o, meglio, i temi saranno ristretti alle quattro voci del sottotitolo, ma tollererò lalalì lalalò tutte le imprevedibili e scontate divagazioni. Ci saranno anche i musicisti, l’avanguardia de I Virtuosi del Carso. E quindi anche musica, canzoni, scimmie e cotillon. Sul palco tre sedie per noi e una vuota per l’intervistatore ospite… Sorpresa! L’intervistatore verrà scelto di sera in sera tra il pubblico a insindacabile giudizio del Capocomico e della Compagnia. E insieme ci sarà una hostess in sala con microfono alla mano per assistere, sostenere e amplificare il gentile pubblico pagante e che verrà reclutata nel foyer tra i simpatici spettatori e di sua spontanea volontà obbligata a farlo”.

L’evento fa parte della rassegna teatrale Teatro e Rivoluzione, che porta in scena un tema particolarmente significativo per la città di Pisa: il ‘68 e il nuovo teatro politico. Per 7 giovedì, tra metà novembre e inizio gennaio, il “palcoscenico della stazione” ospiterà, accanto agli artisti delle compagnie pisane, alcuni nomi importanti del panorama teatrale italiano, per offrire uno spaccato di quel che è rimasto oggi del “teatro politico e soprattutto un racconto dell’Italia negli anni della rivolta, che videro Pisa tra le protagoniste assolute del movimento studentesco.

Il Teatro Nuovo è il progetto nato nel 2016 dalla collaborazione tra diverse associazioni pisane con un’esperienza consolidata nella promozione di eventi culturali e nella produzione artistica, riunite sotto il nome di “Associazione Nuovissimo” (Cineclub Arsenale, Dopolavoro ferroviario di Pisa (DLF), Metarock, Associazione The Thing, Pisa Jazz, Orchestra Archè, Teatri in Piazza e Teatri di Resistenza).

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: