Pari opportunità: accordo con l’università di Firenze per eliminare gli stereotipi dai libri di testo

Firmato un protocollo d’intesa tra la commissione regionale Pari opportunità e il dipartimento Forlilpsi per promuovere la cultura della parità tra i generi tra gli studenti e le studentesse

Promuovere attività congiunte per sensibilizzare gli studenti e le studentesse sui principi della parità tra i sessi e delle pari opportunità. E’ quanto prevede un protocollo d’intesa, firmato dalla commissione regionale Pari opportunità della Toscana, e il dipartimento Forlilpsi (formazione lingue, intercultura letterature, e psicologia) dell’Università di Firenze. A firmarlo la presidente della commissione Pari opportunità Rosanna Pugnalini e la direttrice del Dipartimento Ersilia Menesini.
“Si tratta del coronamento di una collaborazione proficua con il Dipartimento che è già in essere da alcuni anni – ha spiegato Rosanna Pugnalini -. Abbiamo fatto un lavoro a tutto campo volto alla promozione della cultura della parità tra i generi e al contrasto agli stereotipi e alla violenza di genere; il nostro obiettivo ora è concentrarsi sulla rimozione degli stereotipi dai libri di testo”.
L’accordo prevede infatti, nel dettaglio, di perseguire tre finalità: la promozione di attività congiunte di sensibilizzazione rivolte agli studenti/alle studentesse dell’Università di Firenze e alla più ampia cittadinanza, volte alla promozione dei principi della parità tra i sessi e delle pari opportunità attraverso la lotta agli stereotipi e ad ogni forma di discriminazione, emarginazione e violenza; la promozione di attività nelle scuole del territorio, per educare le nuove generazioni al valore positivo delle differenze e alla cultura del rispetto; la formulazione di un progetto mirato alla promozione di una coscienza sociale e politica in tema di stereotipi di genere presenti nei libri di testo scolastici, da realizzarsi con la eventuale collaborazione del Consiglio regionale, della Giunta regionale, dell’Ufficio scolastico regionale e della Associazione italiana editori.
L’accordo di collaborazione ha la durata di un anno e potrà essere rinnovato, e non comporta oneri finanziari a carico del dipartimento Forlilpsi e della commissione regionale per le Pari opportunità.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: