Gli animali possono essere utilizzati a scopi scientifici?

0

VIAREGGIO – ( di Fabrizio Bartolini ) – Gli animali possono essere utilizzati a scopi scientifici?

Al giorno d’oggi si fa sempre più strada la convinzione di non dover più usare gli animali per scopi scientifici. Al fine di conciliare gli interessi della ricerca con la protezione degli animali, la legge ha cercato di ridurre al minimo e solo a fini strettamente scientifici l’utilizzazione di animali.

Protezione dell’animale ed esperimenti.

La vivisezione e tutti gli altri esperimenti sugli animali vertebrati a sangue caldo sono vietati quando non abbiano lo scopo di promuovere il progresso della biologia e della medicina sperimentale. Gli esperimenti che richiedono la vivisezione, a semplice scopo didattico, sono consentiti solo in caso di inderogabile necessità, quando cioè non sia possibile ricorrere ad altri sistemi dimostrativi. A partire dal D.Lgs 27 gennaio 1992 n. 116 si è stabilito che l’utilizzazione degli animali negli esperimenti è consentito solo per determinati scopi tra cui:

  • Lo sviluppo , la produzione e le prove di efficacia e di innocuità dei preparati farmaceutici e degli alimenti;
  • Per la diagnosi o la cura di malattie o dei loro effetti sull’uomo, sugli animali o sulle piante;
  • Per la protezione dell’ambiente naturale nell’interesse della salute e del benessere dell’uomo e degli animali

Gli esperimenti su determinati animali, tra cui i topi, cani, e gatti possono aver luogo solo su animali di allevamento; per quanto riguarda in particolare le scimmie, i cani e i gatti è necessaria anche l’autorizzazione del ministero della Salute e possono essere fatti solo se necessari per verifiche medico-biologiche essenziali .

Gli esperimenti sono vietati sugli animali appartenenti a specie in estinzione nonché sugli animali appartenenti a specie minacciate.. Le violazioni della legge oltre alle punizioni penali previste se sono commessi reati, importa sanzioni pecuniarie non indifferenti.

La rubrica “Parla l’avvocato” è a cura dello studio legale Bartolini.

Per maggiori info contattare la mail:

info@bartolinistudiolegale.com

 

No comments

*