Partecipate, incontro del centro destra con i lavoratori

0

VIAREGGIO – “Conoscere al più presto tempi e linee operative su Centro Congressi e Porto e sbloccare la pericolosa impasse che si è creata all’interno di I Care: è l’obiettivo unanime dichiarato dagli esponenti del centrodestra di Viareggio che, giovedì pomeriggio, hanno incontrato una delegazione dei lavoratori delle tre partecipate, accompagnati da Daniela Ricchetti della Filcams-Cgil”.

La nota stampa arriva da tutti i movimenti e partiti del centro destra

“La situazione del Principino è stata la prima ad essere portata all’attenzione di Massimiliano Baldini (Movimento dei Cittadini per Viareggio e Torre del Lago Puccini), Alessandro Santini (coordinatore comunale di Forza Italia), Alfredo Trinchese (Lega Nord), Alberto Pardini (Fratelli d’Italia), Paolo Tambini e Maurizio Rosellini (Partito Liberale): 7 lavoratori licenziati dal 30 ottobre 2015 senza ricevere le spettanze previste per legge, mobilità fra partecipate mai aperta e, all’orizzonte, la vendita dell’immobile, proprietà della fallita Patrimonio.
Poi la Viareggio Porto, società in concordato da quasi due anni ma che continua a incassare migliaia di euro e ad avere liquidità a disposizione, pur lavorando a scartamento ridotto: qui i dipendenti sono 8, anche qui si profila la vendita e la prima preoccupazione dei sindacati è l’inserimento della clausola sociale.
Infine la situazione in I Care Srl dei dipendenti ex Patrimonio addetti ai tributi. Molte le difficoltà operative rilevate: gli orari di lavoro, consulenze dai “costi spropositati” (così è stata definita dai sindacati quella da 90.000 euro di Anci Innovazione), il rischio prescrizione per diversi milioni di euro da recuperare a causa dell’impossibilità di emettere avvisi di accertamento e ingiunzioni, non per incompetenza dei lavoratori ma per un inquadramento contrattuale (imposto) che non permette loro di operare.
“I tempi per la liquidazione della Viareggio Porto e il futuro dei lavoratori sono elementi da chiarire con precisione e al più presto – hanno dichiarato gli esponenti politici – e per i quali chiediamo massima attenzione al commissario Stelo e ai suoi collaboratori. Stesso impegno lo richiediamo all’amministrazione commissariale per i 7 ex dipendenti della Versilia Congressi, abbandonati nel limbo dalle promesse non mantenute degli ex assessori Servetti e Alberici e per risolvere le incongruenze operative in I Care, che stanno mettendo in pericolo il recupero di diversi milioni di euro destinati all’Osl”.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: