Pena ridotta per l’ex prete: la rabbia delle vittime

CORTONA – Sentenza quasi dimezzata per l’ex prete fiorentino Mario Cioni. È stato condannato dalla Corte d’Appello a 8 anni di carcere per violenza sessuale.

In primo grado Cioni era stato condannato a 15 anni per riduzione in schiavitù e violenza sessuale nei confronti delle adepte della ”comune” da lui fondata a Montecchio di Arezzo, costretti a vivere in una condizione di sudditanza psicologica.

Amara delusione per la condanna di Cioni da parte delle vittime, costituitesi parte civile nel processo. “Non ci aspettavamo che il reato di riduzione in schiavitù venisse derubricato”.

I giudici dell’appello hanno derubricato la riduzione in schiavitù in maltrattamenti, reato poi prescritto poiché riferito a episodi molto lontani nel tempo. Cioni è stato assolto da uno dei fatti di violenza che gli venivano contestati, mentre altri due sono stati dichiarati prescritti.