Politiche sociali, Massarosa firma l’accordo con i sindacati

MASSAROSA –  Anche per il 2018 è stato  formalizzato con le segreterie confederali CGIL-CISL-UIL ed i sindacati dei pensionati SPI-CGIL, FNP-CISL, UILP-UIL e la Lega di Massarosa Camaiore, l’accordo sulle politiche sociali e tariffarie adottate dall’Amministrazione per l’anno 2018.

“In questo importante documento- sottolineano gli assessori al bilancio e al sociale Stefano Natali e Simona Barsotti.- vengono sottoscritte le politiche sociali e tariffarie  in termini di lavoro, casa  e equità fiscale, per l’anno 2018.

Confermato- spiegano –  l’istituzione  di un Fondo per l’Emergenza Abitativa di € 42.909,00   e l’impegno a prevenire l’esecutività degli sfratti con il Fondo Nazionale Morosità fratti incolpevoli concesso ai Comuni con alta densità abitativa. Confermate  le misure anticrisi  a favore di esenzioni in ambito scolastico e /o tariffario  per  i disoccupati, cassaintegrati e con reddito inferiore a € 25.000,00, mentre sul piano delle politiche del lavoro oltre ad essere confermata la volontà dell’Amministrazione di  continuare a coinvolgere  alcune persone in stato di necessità  nel percorso di ricerca del lavoro in stretta  collaborazione con il centro per l’Impiego, nell’ottica di rendere attive le persone valorizzandone le capacità, è stato  varato il progetto “Assegno di inserimento”  che vede coinvolti diversi utenti del servizio sociale in attività interne all’amministrazione comunale come: asili nido, biblioteca, centralino, fotocopia, lavori pubblici e ambiente.

Inalterati qualitativamente  e quantitativamente i  livelli di stanziamenti del 2017  per i servizi a domanda individuale  rivolti ad anziani, disabili e minori.

Resteranno inalterate  l’addizionale IRPEF, la Tasi e  le tariffe per i  servizi a domanda individuale come refezione scolastica, trasporto scolastico e nido d’infanzia. mentre   sulla  TARI 2018, diminuita anche se di poco, verranno applicate le  esenzioni/ riduzioni già in vigore per  l’anno 2017, con una revisione in positivo dell’indice Istat sui limiti  di accesso. Nonostante una difficoltà oggettiva  a gestire le risicate risorse a cui devono sottostare tutti i comuni italiani – concludono gli assessori Natali e Barsotti – ancora una volta con questo accordo siamo riusciti a concretizzare azioni importanti per dare risposte ai bisogni e alle nuove emergenze dei nostri cittadini”

Con l’occasione si ricorda che le domande di esenzione  e riduzione TARI  per l’anno 2018, dovranno essere presentate entro il 30.9.2018.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: