Pongo guarito arriva a Viareggio, ma salta l’adozione: troviamo una famiglia per il nostro guerriero a pois

0

VIAREGGIO – ( di Letizia Tassinari ) – Dimesso dalla clinica Valdinievole, dopo l’intervento intracranico riuscito  le cui spese sono state affrontate grazie alla colletta alla quale ha partecipato tutta Italia, ieri Pongo è arrivato a Viareggio, ma, purtroppo, l’adozione annunciata, e sperata, è saltata per incompatibilità con il cane, una dalmata femmina, di proprietà del consigliere comunale Luigi Troiso che si era offerto di prenderlo nella sua casa.

La sua storia, della quale si è occupata la redazione di TGregione.it nella sua rubrica TG4Zampe, è nota a tutti: il giovane dalmatino, circa 1 anno, fu trovato a gennaio in una galleria della Sicilia col cranio fracassato. Curato sul momento, si era ripreso, ma la ferita alla testa, profonda, non era mai guarita tanto che, a metà aprile, il suo cranio si era gonfiato come a scoppiare. Sottoposto a risonanza magnetica, e tac, la diagnosi era stata delle più tremende: o veniva operato, per toglierli dalla testa i vari frammenti ossei vaganti, e il pus, o sarebbe morto, e l’unico veterinario neurochirurgo in grado di poter effettuare un cosi delicato intervento era in Toscana, a Monsummano Terme. L’web ha preso a cuore la sua situazione, e in meno di una settimana sono stati raccolti i soldi ( 3.500 euro ) per farlo operare. Arrivato in aereo dalla Sicilia, con la volontaria Monica Alexandru, grazie alla catena di solidarietà, e operato lo scorso 3 maggio, Pongo, un vero guerriero, ha superato brillantemente  l’intervento neurochirurgico effettuato dal dottor Massimo Baroni e dopo una settimana di degenza è stato dimesso dalla clinica. Pronto per una nuova vita, felice.

Ora, per qualche giorno, il dalmata resterà in stallo a casa della mamma della guardia zoofila Kronos Katiuska Baccili, circondato dall’amore. Dopo una bella dormita, sul divano e sul lettone, stamattina  ha mangiato, ha giocato con l’anziana cokerina e ha fatto anche una piccola passeggiata. Pongo, che per almeno una settimana dovrà portare il collare elisabettiano, fino a quando, al prossimo controllo medico, non gli verranno tolti i punti,  è un cane dolcissimo, mite, buono ed affettuoso: va d’accordo con tutti, e dai suoi occhi sprizza solo tanta voglia di amore, da dare e ricevere.

La catena umana di solidarietà che lo ha accompagnato da Palermo alla Toscana, per guarire dopo essere stato trovato con il cranio fracassato, prosegue.

Pongo fortunatamente sta bene. Che fosse stato un canino forte ce l’ha dimostrato continuamente. Tra una settimana gli leveranno i punti e tra neanche un mese avrà finito il ciclo di medicinali da assumere. Ha la vitalità di cucciolo ed è un adorabile sbaciucchione!!! Il nostro pois ora cerca una famiglia che gli faccia dimenticare il suo burrascoso passato. Aiutiamolo, per favore!!! Come detto, e scritto, più volte… le favole devono sempre avere un lieto fine.

#UnitiperPongo non si ferma: tutti insieme dobbiamo trovargli un’adozione in una bella famiglia che lo prenda con sè. Se qualcuno è interessato ad adottarlo si metta in contatto con le Kronos al numero di cellulare 3801435498

No comments