“E’ possibile aprire una cava di marmo se non si ha la titolarità dell’area?”

0

STAZZEMA -“E’ possibile aprire una cava di marmo se non si ha la titolarità dell’area?”

La nota stampa arriva dal Gruppo d’Intervento Giuridico Onlus:

“Vicino a una delle più interessanti e suggestive cavità carsiche del Bel Paese, l’Antro del Corchia, nel territorio comunale di Stazzema , da tempo si dibatte se sia legittima la cava di marmo, la Cava Tavolini, da parte della Cooperativa Condomini Lavoratori Beni Sociali di Levigliani.

Il fatto è che una parte – il foglio 11, particella 16 – da dichiarazione Agenzia delle Entrate – Ufficio di Pisa dell’8 agosto 2013 (allegata), non risulta esistere, con evidenti conseguenze sulla legittimità di atti autorizzatori relativi ad attività estrattive aventi simile indicazione.

Sembrerebbe che a breve possa riprendere l’estrazione del marmo in forza di verbale Parco Apuane conferenza servizi in sede di pronuncia di compatibilità ambientale del 12 maggio 2017, mentre, in precedenza, con pronuncia di compatibilità ambientale (P.C.A.) n. 23 del 3 novembre 2014 era stata sospesa la precedente P.C.A. favorevole all’attività estrattiva, a sua volta revocata con pronuncia di compatibilità ambientale (P.C.A.) n. 7 del 24 febbraio 2015.

Vicenda confusa sulla quale il Gruppo d’Intervento Giuridico onlus ha chiesto (22 giugno 2017) chiarimenti al Parco naturale delle Alpi Apuane, alla Regione Toscana, ai Ministeri dell’ambiente e dei beni e attività culturali, ai Carabinieri del N.O.E., al Comune di Stazzema, al Comando Guardie del Parco e, per gli aspetti di competenza, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Lucca.

L’associazione ecologista Gruppo d’Intervento Giuridico onlus da tempo conduce una campagna per la restituzione alla legalità e alla salvaguardia ambientale delle tante, troppe, attività estrattive del settore del marmo sulle Alpi Apuane.

Tutela dell’ambiente, difesa dell’acqua e del suolo, lotta all’inquinamento da detriti e da marmettola: è chiedere troppo per il popolo inquinato delle Apuane?”

No comments