Poste, sopralluogo a Nocchi

0

NOCCHI – Si è tenuto nella mattina di ieri, 22 giugno 2016, un sopralluogo presso l’ex Scuola Elementare di Nocchi da parte dei tecnici di Poste Italiane, accompagnati dagli Assessori Pierucci e Leo insieme ai tecnici comunali e a rappresentanti della frazione. L’incontro è servito come passaggio fondamentale per la definizione del progetto che permetterà la riapertura dell’Ufficio Postale all’interno dei locali, oggi a uso di diverse associazioni. Nelle prossime settimane si procederà alla stesura degli elaborati e dei capitolati di spesa.

La riqualificazione sarà in linea con le specifiche tecniche espresse dall’azienda che prevedono l’individuazione di un’area di almeno 30 metri quadri, che abbia entrata e servizi indipendenti dal resto della struttura che, lo ricordiamo, rimarrà a disposizione della comunità nelle altre sale che la compongono.

Vista la non particolare complessità degli interventi da adottare, saranno accorpate le tre fasi progettuali così da poter risparmiare tempo utile con un solo passaggio formale all’interno della Giunta. I lavori sono peraltro già finanziati in sede di bilancio e si prevede, a seguito delle operazioni connesse al bando di evidenza pubblica, di poter stimare l’inizio dei lavori per l’autunno 2016 e una conclusione per la fine dell’anno.

“Stiamo svolgendo con rapidità la parte che ci compete nell’ambito dell’accordo con Poste Italiane per la riapertura dell’ufficio perché non vogliamo perdere neppure un minuto per restituire alla città un servizio di base. Voglio ringraziare l’Assemblea di Zona 5, e in particolare gli abitanti di Nocchi, per la loro disponibilità perché il raggiungimento di questo obiettivo costerà qualche sacrificio anche all’associazionismo locale che però si è subito dichiarato pronto a mettere al primo posto l’interesse pubblico. Da parte nostra continuiamo a credere fortemente nelle frazioni collinari, cercando di difendere a spada tratta i servizi di base per quanto nelle nostre possibilità”, il commento del Sindaco Del Dotto.

No comments