Prende a bottigliate la moglie, i passanti indifferenti

Scena folle alla stazione dei treni di Pisa dove, verso le 17.30 di ieri, un quarantenne di origine croata ha preso a bottigliate la moglie, una trentenne slava. Prima la lite con urla e spintoni, esplosa per futili motivi, poi la violenza è diventata fisica.

L’uomo ha iniziato ad usare una bottiglia di vetro come arma spaccandogliela in testa. Tutto nell’indifferenza dei passanti: nessuno ha mosso un dito per fermare l’aggressore, in molti però hanno avuto la prontezza di filmare tutto con il proprio cellulare.

La giovane, col volto ridotto ad una maschera di sangue, ha avuto la fortuna di trovare nelle vicinanze i carabinieri ed è corsa disperata verso di loro, sfruttando le ultime energie rimaste per salvarsi dalla pazzia del marito: già noto alle forze dell’ordine per precedenti di maltrattamenti in famiglia.

I militari hanno individuato immediatamente l’uomo, mentre tentava di confondersi tra i pendolari e lo hanno atterrato.