I primi giorni di Murzi sindaco a Forte dei Marmi: “Si lavora. Portiamo a termine la stagione estiva al meglio”

FORTE DEI MARMI – ( di Matteo Baudone ) – I primi giorni di Murzi sindaco a Forte dei Marmi: “Si lavora. Portiamo a termine la stagione estiva al meglio”

Dottor Murzi, come ci si trova ad essere il sindaco di Forte dei Marmi?

È un grande onore e un’esperienza assolutamente nuova per me. Quindi come tutte le nuove esperienze è estremamente emozionante. È bello e capisco le responsabilità che ci sono, e capisco che c’è da lavorare tanto. Mi accingo a questo con voglia e tranquillità.

Come sono stati questi primi giorni?

Questi primi giorni sono stati dedicati a conoscere gli uffici, parlare con la gente, cercare di risolvere quei tre o quattro problemi immediati che ci sono stati dovuti al cambiamento dell’amministrazione. Però sono stati in ultima analisi molto interessanti e duri, perché si è lavorato tanto. Mi sembra però che il sistema inizia a funzionare…

La questione delle bandiere del suo movimento su palazzo quartieri: qual è la sua versione?

La mia versione è la versione ufficiale. L’unica: io non ne ho saputo niente fino alla mattina in cui le ho viste. E in quel momento lì sono andato dal messo comunale e gli ho chiesto di andare immediatamente a rimuoverle. Ritengo che sia stata una sciocchezza. Molto semplicemente, l’amministrazione non c’entra niente. Si è detto che qualcuno ha avuto le chiavi dall’amministrazione: l’amministrazione non ha dato le chiavi a nessuno. E francamente è una cosa che mi ha colpito negativamente, proprio perché io mi considero il sindaco di tutti e non certamente soltanto il sindaco di Noi del Forte. Devo ringraziare i cittadini che mi hanno eletto, ma devo soprattutto lavorare con i cittadini che non mi hanno eletto. Per dimostrargli che sono capace di farlo. Non ci voleva quella atto li…

Si sente pronto per affrontare questa estate?

Si. Comincio a sentirmi pronto. Ho avuto alcune problematiche, per esempio quella dell’affidamento del controllo della spiaggia libera su cui si è scritto un mucchio di cose senza comprendere qual era la realtà di fatto…

Qual è la sua versione?

La mia versione è molto semplice:  nessuno ha mai detto che il Comune di Forte dei Marmi è un comune in dissesto. Questo è stato scritto da qualcuno, ma noi non abbiamo mai detto questo. Noi abbiamo semplicemente detto che il 12 di giugno, il giorno in cui ci siamo insediati io e tutti gli altri, abbiamo scoperto che alla spiaggia libera il 15 di giugno, cioè 3 giorni dopo, non sarebbe partito nessun sistema di sorveglianza, perché nessuna gara nessun bando era stato fatto. Quindi noi abbiamo dovuto risolvere questo problema. Abbiamo dovuto cercare i soldi all’interno del bilancio comunale, abbiamo dovuto trovare delle soluzioni estemporanee immediate. Abbiamo cioè fatto una corsa in tre giorni per mettere un servizio che non era stato previsto. Il mio stupore era quello che il 12 di giugno non non sia stato previsto un servizio importantissimo, che sarebbe partito il 15. Soltanto questo io ho detto. Quindi non ho mai parlato di un comune in dissesto. Sono tutte cose che sono venute fuori soltanto dopo. Io dico semplicemente che il 12 di giugno abbiamo scoperto che il 15 di giugno non c’era nessun servizio di sorveglianza sulla spiaggia, e noi in tre giorni abbiamo dovuto risolvere questo problema.

Lei ha detto durante la campagna elettorale e ai nostri microfoni che sarebbe stato il sindaco delle progettazioni. Che avrebbe creato dei progetti. Si sente già pronto adesso a portare a termine questo compito o preferisci lasciar scorrere l’estate e rimandare in autunno?

Il nostro programma è un programma estremamente dettagliato e spero che tutta la gente se lo vada a rileggere. Noi abbiamo perfino parlato dei sensi unici abbiamo indicato le singole strade. Abbiamo detto esattamente le cose che vogliamo fare. Non era un programma generico che poteva essere in un senso o nell’altro. Io voglio progettare, ma capisco che è un sindaco che si pone il 12 di giugno all’inizio della stagione estiva di Forte dei Marmi ha 1000 priorità diverse rispetto a creare un progetto che partirà e scorrerà nel tempo. Io in questo momento devo per forza confrontarmi con i problemi dell’immediato, cercare di  portare a termine la stagione estiva, aiutare gli operatori turistici perché la stagione estiva si svolga nel migliore dei modi sia economicamente che come tranquillità e bellezza del paese. Dopodiché da settembre ci sarà da mettersi a sedere davanti a un tavolo e cominciare a ragionare sui progetti, quindi proseguo sul mio programma.

Come valuta il progetto estivo lasciato dall’ex sindaco Buratti?

A riguardo ho visto il cartellone della Villa Bertelli, se vogliamo parlare delle cose culturali che dovrebbero avvenire. Tra i primi atti che ho fatto c’è stato quello di confermare il Consiglio di Amministrazione di Villa Bertelli per tutto il periodo dell’estate, affinché vengano portati a termine i cartelloni progettati. Penso sia doveroso. Ho detto a Carlo Fontana di Villa Bertelli che lo stimo, e gli ho chiesto di lavorare bene come sa fare per il bene del Comune di Forte dei Marmi. pmPoi quando arriveremo a ottobre vedremo i problemi…

Quindi possiamo dirci ci vediamo a ottobre…

Direi di si, se ci saremo ci vedremo a ottobre…

Lascia un commento