Privacy, Mallegni: “Abbiamo bloccato la norma in Commissione speciale”

TORRE DEL LAGO – “In commissione speciale abbiamo bloccato l’entrata in vigore della normativa sulla privacy. Il governo uscente aveva trasmesso solo pochi giorni fa il testo del decreto sulla privacy quando era in giacenza dal 2016. Si sono rimpallati la responsabilità anche su questa normativa che oggi sta scombussolando la vita ad imprese e professionisti. La norma che doveva essere licenziata dal governo prevedeva sanzioni più pesanti ed una platea di applicazione della norma ancora più vasta di quella prevista dalla normativa europea. Il governo italiano in Europa non ha mosso un dito”. A dirlo è stato il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni intervenendo in occasione della 21esima edizione del convegno nazionale dell’Istituto nazionale tributaristi al Gran teatro Giacomo Puccini di Torre del Lago. Nella seduta di mercoledì (23 maggio) infatti, dopo la relazione del senatore Giacomo Caliendo sul decreto legislativo di adeguamento al regolamento europeo sulla privacy, la commissione aveva deciso di concordare con il relatore sulla necessità di un ulteriore approfondimento del decreto. A tal fine la Commissione, anche su proposta di Forza Italia, aveva deciso di svolgere alcune audizioni che si terranno nelle prossime sedute.